Samsung potrebbe utilizzare display idrorepellenti sui propri smartphone

Fra le varie aziende presenti sul mercato, Samsung è una delle capostipiti nella produzione ed innovazione in ambito display, soprattutto nel settore degli smartphone.

Durante il 2016 il produttore ha introdotto i propri flagship, ovvero Samsung Galaxy S7S7 EdgeNote 7, caratterizzati dalla presenza di certificazione IP6X, con la quale si è protetti contro polvere e (parzialmente) liquidi. Se ciò non bastasse, Samsung sarebbe al lavoro per la produzione di display idrorepellenti.

Samsung-Galaxy Note 7 Snapdragon 820 vs Exynos 8890
Samsung Galaxy Note 7 con certificazione IP68

Samsung: in arrivo smartphone con display idrorepellente?

In data odierna l’US Department of Energy’s Oak Ridge National Laboratory ha affermato che Samsung avrebbe acquistato una licenza per la propria tecnologia super-idrorepellente.

Nello specifico, essa consiste nell’applicazione di un sottile strato in vetro su un pannello per poi applicare calore e fondere il tutto assieme. Questo rivestimento viene poi lavorato in modo da ottenere una struttura molecolare con le proprietà idrorepellenti in questione.

Il risultato? A contatto con il pannello lavorato, l’acqua viene respinta fino ad un angolo di 155/165°, garantendo un estremo isolamento con i liquidi, oltre a garantire una maggior pulizia della superficie.

Chiaramente stiamo parlando di una tecnologia che avrà bisogno di tempo per essere eventualmente implementata a bordo di prodotti consumer, come smartphone, tabletsmartwatch e via dicendo. Che possa essere una delle caratteristiche presenti a bordo del futuro Samsung Galaxy S9?

Samsung logo

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.


 

L’articolo Samsung potrebbe utilizzare display idrorepellenti sui propri smartphone sembra essere il primo su Gizblog.

Spotify Daily Mix, il nuovo servizio di playlist ad hoc per l’utente

Dopo il lancio della funzione Release Radar, il noto servizio di streaming musicale Spotify annuncia l’arrivo del nuovo servizio Daily Mix, grazie al quale sarà possibile avere modo di scoprire nuovi brani musicali.

Spotify

Spotify Daily Mix, il nuovo servizio di playlist ad hoc per l’utente

Nello specifico, con Daily Mix sarà possibile avere accesso ad una playlist infinita, la quale combinerà i propri brani preferiti presenti sulla piattaforma assieme a nuove canzoni, scelte sulla base dei gusti musicali dell’utente.

Chiaramente più utilizzeremo il servizio più Daily Mix capirà i nostri gusti, aumentando le probabilità che Daily Mix scelga brani pensati ad hoc per noi. E se troviamo una canzone che non ci piace? Nessun problema, sarà possibile eliminarla in modo che non ricompaia nelle future playlist. Viceversa, se una traccia ci piace particolarmente potremo cliccare sull’icona a forma di cuore per aggiungerla alla propria collezione.

Daily Mix sarà disponibile nella propria Libreria nella versione di Spotify più aggiornata su Android ed iOS a livello globale, sia per gli utenti Free che per quelli Premium. I nuovi utenti, invece, potranno accedere al servizio dopo circa 2 settimane di ascolto. La nuova feature sarà presto disponibile su nuove piattaforme.

Spotify

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.


 

L’articolo Spotify Daily Mix, il nuovo servizio di playlist ad hoc per l’utente sembra essere il primo su Gizblog.

Motorola XT1563 “Cedric” trapela con processore Snapdragon 430

Dopo aver visto l’arrivo sul mercato del recente Moto E Power, tramite una nostra fonte siamo venuti a conoscenza di un nuovo terminale dell’azienda, ovvero il Moto XT1563, nome in codice “Cedric“.

Motorola cedric snapdragon 430

Motorola XT153 “Cedric” trapela con processore Snapdragon 430

Stando a quanto presente nel file build.prop, questo presunto Moto XT1563 si tratta di un dispositivo di fascia medio/bassa vista la configurazione presunta. Infatti, a bordo del terminale in questione troveremmo un SoC Qualcomm Snapdragon 430 MSM8937.

Stiamo parlando di una soluzione hardware octa-core con processo produttivo a 28 nm, architettura a 64 bit ARMv8 Cortex-A53 e frequenza di clock massima di 1.4 GHz. La parte grafica, invece, è affidata alla GPU Qualcomm Adreno 505.

Con molta probabilità dovremmo vedere 2 GB di RAM LPDDR3 con clock da 800 MHz, assieme a 16 GB di memoria interna espandibile tramite microSD.

Non ci resta, quindi, che attendere le prossime settimane e scoprire cosa ha in serbo per noi Lenovo.

Motorola-moto-logo-dd044fc84ace05acafd05a8c97715dcc8d011f7b

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.


L’articolo Motorola XT1563 “Cedric” trapela con processore Snapdragon 430 sembra essere il primo su Gizblog.

Samsung: il 90% di utenti di Galaxy Note 7 ha chiesto la sostituzione

Nei giorni scorsi vi abbiamo più volte parlato dei casi di esplosione del nuovo Samsung Galaxy Note 7. L’azienda, per ovviare a questo problema, aveva offerto la possibilità di ritirare le unità vendute per ottenere una sostituzione del dispositivo.

Oggi Samsung ha dichiarato che circa il 90% dei possessori del suo nuovo phablet ha richiesto la sostituzione dopo le spiacevoli vicende che lo hanno visto come protagonista.

Samsung-Galaxy Note 7 Snapdragon 820 vs Exynos 8890

Il 90% di possessori ha sostituito il proprio Samsung Galaxy Note 7

Il Samsung Galaxy Note 7 ha avuto un avvio sul mercato davvero sfortunato, visti i difetti di fabbrica riscontrati e confermati dalla stessa azienda.

L’azienda ha dovuto riconoscere il proprio errore e si è adoperata per risolvere la situazione con una politica che ha previsto, oltre alla sostituzione, anche il richiamo di tutte le unità, il blocco delle vendite e la possibilità di ottenere un rimborso monetario.

Samsung ha iniziato a rendere noti alcuni dati sul comportamento dei consumatori di fronte a questa situazione, confermando che circa il 90% degli stessi ha richiesto la sostituzione del proprio Samsung Galaxy Note 7.

Samsung galaxy note 7 foto

Il presidente di Samsung Mobile Communication Business, ha affermato di essere felice della fedeltà dei consumatori che hanno deciso di sostituire la propria unità, riponendo così fiducia nell’azienda sud coreana.

Tuttavia nei giorni scorsi vi abbiamo parlato di come i problemi inerenti la batteria del famoso phablet dell’azienda sud coreana potrebbero non essere finiti. Le nuove unità, infatti, presenterebbero problemi di surriscaldamento anomalo anche se, questa volta, tale inconveniente non provocherebbe l’esplosione del dispositivo.

Samsung logo

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Samsung: il 90% di utenti di Galaxy Note 7 ha chiesto la sostituzione sembra essere il primo su Gizblog.

Pokémon GO: una piccola, interessante novità nei combattimenti (video)

Pokémon-GO

Non è la prima volta che Niantic include migliorie nelle patch di Pokémon GO senza però aggiungerle al changelog. L’ultima arrivata, che porta il gioco alla versione 0.39.1, nasconde al suo interno una novità che farà la gioia degli allenatori amanti delle palestre.

Il cambiamento infatti è rivolto proprio al sistema di combattimento che, di fatto, dovrebbe rendere le battaglie meno caotiche e leggermente più strategiche. È stato infatti introdotto il concetto di buffering: con questa meccanica, potrete concatenare due azioni, dagli attacchi alla schivata, senza attendere che il Pokémon completi l’animazione, per poi fargliele eseguire una dopo l’altra.

LEGGI ANCHE: Scambi in Pokémon GO

Ciò significa che il tap ossessivo a schermo potrebbe non essere più la sola e unica tattica per stanare gli avversari. A parte gli scherzi, la motivazione del cambiamento pare essere nel desiderio di migliorare le battaglie sia da un punto di vista prettamente ludico, che nel tempo di risposta tra il client e il server.

Avete notato anche voi questo miglioramento? In ogni caso, in calce, è disponibile un video, realizzato dal canale Youtube Trainer Tips, che spiega per filo e per segno la meccanica appena introdotta.

L’articolo Pokémon GO: una piccola, interessante novità nei combattimenti (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Samsung Galaxy Note 7 di nuovo in vendita in Europa dal 28 ottobre

Se dovessimo dare un premio allo smartphone più sfortunato dell’anno, senza dubbio andrebbe al Samsung Galaxy Note 7. Sicuramente avrete letto o sentito parlare del battery gate, ovvero dei vari casi di esplosione della batteria i quali hanno causato non pochi problemi, sia agli utenti coinvolti che a Samsung stessa, che si è vista costretta a fermare immediatamente le vendite e ritirare le unità presenti su mercato.

Dopo alcuni casi (apparentemente isolati) di nuove unità con problemi alla batteria, sembrerebbe che la situazione si sia stabilizzata e che il produttore coreano sia pronto a rimettere in vendita il Note 7 in Europa.

samsung galaxy note 7

Samsung Galaxy Note 7 di nuovo in vendita in Europa dal 28 ottobre

Infatti, in queste ultime ore Samsung ha annunciato che il Samsung Galaxy Note 7 sarà nuovamente disponibile in vendita sul mercato europeo a partire dal prossimo 28 ottobre.

Samsung ha inoltre affermato che in Europa il 57% degli acquirenti del terminali hanno rimandato indietro il telefono. Di queste persone, il 90% ha scelto una nuova unità del Note 7, il 7% ha esercitato il diritto di recesso ed il 3% ha acquistato un nuovo dispositivo sempre targato Samsung.

Samsung galaxy note 7

Samsung Galaxy Note 7 – Scheda tecnica

Vi lasciamo con la scheda tecnica completa del terminale:

  • Display Super AMOLED da 5.7 pollici di diagonale con risoluzione Quad HD 2560 x 1440 pixel, 518 PPI, tecnologia dual edge e protezione Corning Gorilla Glass 5;
  • dimensioni di 153.5 x 73.9 x 7.9 mm per 169 grammi;
  • processore octa-core Samsung Exynos 8890 con architettura a 64 bit: 4 x 2.3 GHz M1 Mongoose + 4 x 1.6 GHz A53;
  • GPU ARM Mali-T880 MP12 da 650 MHz;
  • 4/6 GB di RAM LPDDR4 dual channel da 1794 MHz;
  • 64/128 GB di memoria interna UFS 2.0 espandibile tramite micro SD fino a 256 GB;
  • lettore d’impronte digitali e scanner dell’iride;
  • fotocamera posteriore Sony IMX260 da 12 mega-pixel con apertura f/1.7, autofocus PDAFOIS, video 4K e flash LED;
  • fotocamera anteriore da 5 mega-pixel con apertura f/1.7;
  • supporto 4G LTE Cat.12;
  • Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac Dual Band, Bluetooth 4.2, NFC, USB Type-C, GPS/A-GPS/GLONASS/BeiDou;
  • certificazione IP68;
  • S Pen con 4096 livelli di pressione e certificazione IP68;
  • batteria da 3500 mAh con ricarica rapida e wireless;
  • sistema operativo Android 6.0.1 Marshmallow con interfaccia TouchWiz.

samsung galaxy note 7 always on

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.


 

L’articolo Samsung Galaxy Note 7 di nuovo in vendita in Europa dal 28 ottobre sembra essere il primo su Gizblog.

Samsung presenta il suo nuovo smartphone, Samsung Galaxy On8

Nei giorni scorsi vi abbiamo parlato del lancio di nuovi smartphone targati Samsung, oggi l’azienda ha annunciato un nuovo dispositivo, il Samsung Galaxy On8, che sarà in vendita a partire dal prossimo 2 ottobre.

Uno smartphone destinato (almeno per ora) al mercato asiatico e che sarà lanciato inizialmente solo in India.

Samsung Galaxy On8

L’azienda sud coreana presenta il Samsung Galaxy On8

Il nuovo smartphone monta un display AMOLED Full HD da 5.5 pollici, un CPU octa-core Exynos 7580 a 1,6GHz coadiuvata dalla presenza di ben 3 GB di RAM, lo storage interno sarà di 32 GB, espandibile tramite microSD fino a 128 GB.

Il comparto fotografico è composto da un sensore posteriore da 13 mega-pixel con flash LED ed una fotocamera frontale da 5 mega-pixel.

Completano la dotazione del device una batteria da 3300 mAh, il WiFi 802.11 b/g/n, il Bluetooth 4.1, la tecnologia VoLTE, il GPS GLONASS. Presente il supporto dual SIM, con slot micro SD separato, il sistema operativo è Android 6.0 Marshmallow con la nuova interfaccia rinnovata TouchWiz.

Il nuovo Samsung Galaxy On8 sarà disponibile India nelle colorazioni dorata, nera e bianca ad un prezzo di 15.900 rupie (pari a circa 212 euro al cambio attuale)

Attualmente sarà molto difficile vedere il nuovo Samsung Galaxy On8 nel nostro Paese, se non attraverso qualche importatore di terzi parti. L’azienda, infatti, non ha chiarito l’intenzioni circa un possibile lancio in futuro nel mercato europeo.

Samsung logo

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Samsung presenta il suo nuovo smartphone, Samsung Galaxy On8 sembra essere il primo su Gizblog.

Google Pixel XL: trapela online nei render di alcune cover

Il 4 ottobre si avvicina e l’evento preparato da Google anche. Non passa giorno che non escano nuove indiscrezioni sui nuovi smartphone Pixel e Pixel XL. Oggi, però, sono trapelati dei render da un produttore di cover, che ci mostrano il Pixel XL.

Google Pixel XL Case Render 6

L’attesa dell’evento Google

Durante l’evento di quest’anno Google dovrebbe presentare una nuova ampia gamma di dispositivi e non solo degli smartphone: si parla infatti di un nuovo Chromecast, il debutto del nuovo visore Daydream VR e forse anche di un nuovo tablet in collaborazione con Huawei.

L’attenzione principale sarà data, però, ai nuovi smartphone Pixel e Pixel XL, quelli che dovrebbero essere i successori della linea Nexus ma della quale perderanno il nome. Il produttore questa volta sarà HTC ma non sarà presente il suo logo sulla scocca degli smartphone. Negli ultimi tempi, di rumor su questi due smartphone ce ne sono stati davvero tanti, dai render della nuova UI di Android 7.1, alla possibile implementazione di un 3D Touch software, fino alla comparsa di uno di loro in una pubblicità dell’azienda Nest (legata a Google).

Google Pixel XL, “tradito” da un produttore di cover

Ovviamente, prima dell’uscita di un nuovo importante smartphone, le aziende produttrici di cover e custodie vengono informate sul design di questi dispositivi in modo da poter preparare per tempo prodotti da far arrivare sul mercato in concomitanza con lo smartphone stesso.

 

Ed oggi sono trapelati dei render di una di queste aziende che mostrano sia le cover ma soprattutto il Pixel XL di Google in tutto il suo splendore. Lo smartphone si mostra in linea con quanto trapelato fino ad oggi e non ci sono elementi che possano far pensare si tratti di un fake anzi queste immagini vanno a rafforzare quanto ci si attendeva.

Google Pixel XL Case Render 4
Google Pixel XL Case Render 3
Google Pixel XL Case Render 2
Google Pixel XL Case Render 1

Per quanto riguarda le cover, sembrano essere robuste e a chi non dovesse amare il design “dual tone” scelto quest’anno da Google per i suoi smartphone, farà piacere sapere che le cover più scure riescono a mascherare lo stacco cromatico in modo ottimale.

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

 

 

L’articolo Google Pixel XL: trapela online nei render di alcune cover sembra essere il primo su Gizblog.

Note 7: la maggior parte degli utenti sceglie la sostituzione

Qualche giorno fa i ragazzi di SurveyMonkey hanno condotto un sondaggio negli Stati Uniti in cui gli utenti avevano espresso la volontà di ricevere un rimborso o acquistare un iPhone invece del Galaxy Note 7. Fortunatamente per Samsung la realtà è ben diversa.

(…)
Continua a leggere Note 7: la maggior parte degli utenti sceglie la sostituzione su Androidiani.Com


© pasqualemarzocchella for Androidiani.com, 2016. |
Permalink |

Scopri qui i migliori smartphone android scelti da Androidiani.com! Classifica aggiornata a settembre – 2016!

Tags del post: ,

Google Pixel 3 potrebbe essere il primo laptop con Andromeda OS

Due fonti diverse e affidabili di Android Police hanno confermato che Google dovrebbe annunciare un nuovo laptop della serie Pixel entro il terzo trimestre del 2017.

Il progetto, conosciuto internamente come “Bison” e con il nome di Google Pixel 3 sarà, probabilmente, il primo dispositivo a marchio Pixel ad essere mosso dal nuovo sistema operativo Andromeda (fusione tra Android e Chrome OS).

Logo Google Google.com

Google Pixel 3: primo notebook con Andromeda OS in arrivo?

Bison, quindi, sarebbe il risultato di un intenso lavoro svolto dai team di Pixel, Android e Chrome OS negli ultimi anni. Secondo Android Police, il nuovo dispositivo con Andromeda OS sarà un prodotto completamente diverso rispetto ai Chromebook e sarebbe molto diverso il modo in cui sarà in grado di far girare le applicazioni Android e che prendeva il nome di ARC.

Prima di entrare nei dettagli, è bene dire che le specifiche tecniche rivelate dalle fonti potrebbero cambiare oppure essere inesatte.

Il Google Pixel 3 dovrebbe essere un computer portatile ultra sottile con un display da 12.3 pollici. Il colosso del web dovrebbe anche rendere disponibile una “modalità tablet“. Non è chiaro, purtroppo, se Bison sarà un convertibile come la serie Yoga di Lenovo oppure un prodotto in stile Surface Book di Microsoft.

Logo Android

Cosa sappiamo sulle specifiche tecniche del laptop

Proseguendo con le specifiche tecniche, il Pixel 3 dovrebbe essere mosso dai processori Intel Core M3 o Core i5. Al processore potrebbero essere affiancati da 32 a 128 GB di archiviazione interna e da 8 a 16 GB di RAM. Ciò sembra suggerire che Google potrebbe annunciare due modelli.

Il Bison, inoltre, dovrebbe disporre di 2 porte USB Type-C, un ingresso jack da 3.5 mm, una serie di sensori, un lettore di impronte digitali, una supporto alle stylus, altoparlanti stereo, 4 microfoni e una batteria che dovrebbe garantire circa 10 ore di autonomia.

La tastiera del laptop dovrebbe essere retroilluminata mentre il trackpad potrebbe disporre di un rivestimento in vetro con un supporto al Force Touch simile a quello presente sugli ultimi MacBook di Apple. Google prevede di offrire tutto questo in un dispositivo dotato di uno spessore di appena 10 mm.

Per quanto riguarda i prezzi, il Google Pixel 3 dovrebbe essere lanciato nel Q3 2017 ad un prezzo di partenza di 799 dollari (circa 711 euro). Bison, infine, potrebbe essere il trampolino di lancio del nuovo sistema operativo Andromeda.

google pixel 3

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.


L’articolo Google Pixel 3 potrebbe essere il primo laptop con Andromeda OS sembra essere il primo su Gizblog.

La Germania e l’Italia non vogliono la condivisione dati tra WhatsApp e Facebook

icona-whatsapp-instagram-facebook-istock

Il mese scorso hanno fatto molto discutere le nuove normative di WhatsApp che prevedono la condivisione dei dati degli utenti con Facebook: accettando i nuovi termini e condizioni, alcune informazioni raccolte dall’app di messaggistica acquistata nel 2014 da Facebook potranno essere utilizzate anche per funzioni legate al social network e, in ogni caso, saranno effettivamente di proprietà di quest’ultima azienda.

Questa novità ha sollevato parecchi dubbi in merito alla privacy e, a tal proposito, la Germania ha ordinato a Facebook di interrompere questa pratica. La commissione tedesca che si occupa della tutela della privacy, infatti, ha pubblicato un’ordinanza con effetto immediato in cui proibisce a WhatsApp di condividere con Facebook i dati degli utenti e richiede a Facebook l’eliminazione delle informazioni così ottenute.

LEGGI ANCHE: Condivisione dati WhatsApp – Facebook: ecco cosa c’è da sapere

Come spiegato nel documento, la condivisione dei dati tra le due società viola la legge tedesca per la tutela dei dati personali, in quanto dal punto di vista legale si tratta di due diverse compagnie. Affinché la pratica si possa considerare legittima, non solo WhatsApp ma anche Facebook dovrebbe chiedere agli utenti il consenso della condivisione dei dati.

Nel frattempo, anche in Italia ci sono state novità in merito: pochi minuti fa, infatti, il Garante per la protezione dei dati personali ha avviato un’istruttoria per approfondire la vicenda e chiedere maggiori informazioni a Facebook e WhatsApp in merito. In particolare

Il Garante ha chiesto di chiarire se i dati riferiti agli utenti di WhatsApp, ma non di Facebook, siano anch’essi comunicati alla società di Menlo Park, e di fornire elementi riguardo al rispetto del principio di finalità, considerato che nell’informativa originariamente resa agli utenti WhatsApp non faceva alcun riferimento alla finalità di marketing

L’articolo La Germania e l’Italia non vogliono la condivisione dati tra WhatsApp e Facebook sembra essere il primo su AndroidWorld.

Alcatel Pixi 4 Plus Power in arrivo sul mercato con ben 5000 mAh

Alcatel ha da poco annunciato il lancio del nuovo Alcatel Pixi 4 Plus Power, un terminale che va ad aggiungersi alla schiera di battery phone presenti sul mercato, vista la presenza di una batteria integrata da 5000 mAh.

Stando a quanto affermato dall’azienda, è possibile utilizzare il device fino a 3 giorni, raggiungendo 22 ore di navigazione web sotto Wi-Fi, 14 ore di streaming video ed addirittura 5 giorni di riproduzione musicale. Oltre a ciò, è presente il supporto alla ricarica rapida.

Da segnalare la presenza della tecnologia Arkamys per una maggiore qualità audio.

Alcatel pixi 4 plus power

Alcatel Pixi 4 Plus Power in arrivo sul mercato con ben 5000 mAh

Ecco la scheda tecnica dell’Alcatel Pixi 4 Plus Power:

  • Display IPS da 5.5 pollici di diagonale con risoluzione HD 1280 x 720 pixel e 267 PPI;
  • dimensioni di 152 x 78.3 x 9.9 mm per un peso di 202 grammi;
  • processore quad-core MediaTek MT6580 con architettura a 32 bit e frequenza di clock da 1.3 GHz;
  • GPU ARM Mali-400 MP1;
  • 1 GB di RAM;
  • 8 GB di memoria interna espandibile tramite microSD;
  • fotocamera posteriore da 8 mega-pixel con flash LED;
  • fotocamera anteriore da 5 mega-pixel interpolati con flash LED;
  • supporto dual SIM 3G;
  • Wi-Fi 802.11 b/g/n, Bluetooth 4.0, GPS/A-GPS;
  • batteria da 5000 mAh con ricarica rapida;
  • sistema operativo Android 6.0 Marshmallow.

Alcatel pixi 4 plus power

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.


L’articolo Alcatel Pixi 4 Plus Power in arrivo sul mercato con ben 5000 mAh sembra essere il primo su Gizblog.

WhatsApp beta si aggiorna con novità per i gruppi

Sebbene nel corso dell’ultimo periodo diverse siano state le applicazioni di messaggistica istantanea apparse nello store virtuale di Google, il Play Store, WhatsApp continua a dominare senza evidenti difficoltà il settore della messaggistica.

Tuttavia, rispetto alla concorrenza, l’app detenuta attualmente da Facebook risulta mancare di alcune funzionalità. La compagnia sta però ovviando a queste mancanze andando ad aggiornare frequentemente WhatsApp con interessanti novità.

WhatsApp si avvicina a Telegram: introdotte alcune novità per i gruppi

L’applicazione che risulta essere più completa, sotto il punto di vista delle funzionalità, è di certo Telegram. Da quest’ultima WhatsApp tende a “prendere in prestito” alcune novità, portandole nella propria applicazione.

Dopo aver assistito all’introduzione dei supergruppi su WhatsApp, funzionalità presente già su Telegram, il gruppo di sviluppatori di Facebook ha quest’oggi introdotto altre migliorie già conosciute sull’applicativo della concorrenza. Con l’ultima versione di WhatsApp Beta, la 2.16.181, vengono infatti introdotti i link per entrare nei gruppi.

WhatsApp link gruppo 3
WhatsApp link gruppo 4

La funzionalità è accessibile solo se siete amministratori di un determinato gruppo ed è presente nella sezione “aggiungi partecipante“. Qui è possibile trovare, prima della lista dei nostri contatti, il pulsante “Invita al gruppo tramite link“, il quale provvederà a generare un link per l’accesso al gruppo. Il link, che sarà possibile copiare e condividere, contiene però una potenziale minaccia.

Difatti, al contrario di Telegram, WhatsApp mostrerà il numero dei contatti a tutti coloro che cliccheranno sul collegamento, quindi è importante usare il link con cautela. Inoltre, nel menù a cascata sarà poi possibile stampare il codice QR per entrare nel gruppo sia tramite normale stampante che tramite tag NFC.

WhatsApp link gruppo 1
WhatsApp link gruppo 2

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo WhatsApp beta si aggiorna con novità per i gruppi sembra essere il primo su Gizblog.

Le famiglie Moto Z e Moto G4 saranno aggiornate a Nougat nel Q4, parola di Motorola

Motorola-Final

Dopo l’arrivo di Android Nougat sui Nexus supportati, tutti i produttori hanno iniziato a darsi da fare per portare l’ultima versione del sistema operativo del robottino verde sui loro dispositivi. Anche se ultimamente non sta vivendo un periodo tranquillo, Motorola (o per meglio dire Lenovo) sarà probabilmente una delle prime a fornire l’upgrade.

Infatti, proprio oggi un portavoce della società ha dichiarato al sito Droid Life che l’aggiornamento a Nougat per le famiglie Moto Z e Moto G4 sarà rilasciato nel Q4, cioè tra ottobre e dicembre di quest’anno.

LEGGI ANCHE: Ci sono un Galaxy S7 ed un S7 edge con Android Nougat in questi benchmark!

Purtroppo non abbiamo ancora nessuna data per quanto riguarda il rilascio di Nougat per il resto dei dispositivi a marchio Moto, ma ci aspettiamo che, dopo aver aggiornato i dispositivi più recenti, Lenovo si possa dedicare anche a quelli delle precedenti generazioni e aggiornarli entro tempi relativamente brevi.

L’articolo Le famiglie Moto Z e Moto G4 saranno aggiornate a Nougat nel Q4, parola di Motorola sembra essere il primo su AndroidWorld.

Stabilizzatore e power bank in un unico prodotto, con SMOVE (video)

SMOVE

Avete un nuovo smartphone che promette grandi video e vorreste tirar fuori il meglio delle riprese? Vi ci vuole un gimbal! Temete che il dispositivo si scarichi troppo velocemente? Vi ci vuole un power bank! Oppure, se utilizzate molto lo smartphone per registrare, potrebbe essere una buona idea avere entrambi nello stesso prodotto: in tal caso, date un’occhiata a SMOVE.

Si tratta di un progetto che potete finanziare su Indiegogo a partire da 129$ che fa esattamente quel che promette: stabilizzare il vostro smartphone durante le riprese e, all’occorrenza, ricaricarlo nel frattempo. SMOVE è compatibile sia con Android che con iPhone.

LEGGI ANCHE: Apple iPhone 7 vs Samsung Galaxy S7, il confronto fotografico

Si tratta di un progetto decisamente interessante, che potrebbe fare la gioia di tutti gli appassionati di fotografia anche grazie al prezzo decisamente accessibile: date un’occhiata al video in fondo e, se siete interessati, approfondite (e acquistate!) sulla pagina del progetto.

L’articolo Stabilizzatore e power bank in un unico prodotto, con SMOVE (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Sfidatevi a scrivere il più velocemente possibile, con The Typist (foto)

Typist (head)

Quanti di voi hanno passato la giovinezza a sfidare i propri amici a Typespeed, il gioco nel quale per essere i campioni bisognava dimostrare di essere in grado di digitare sulla tastiera il più velocemente possibile? Se fate parte della “generazione nostalgica”, e vorreste poter provare di nuovo la stessa ebbrezza utilizzando il vostro smartphone, è arrivato il momento di installare The Typist.

The Typist è infatti un gioco gratuito per Android con il quale potrete mettere alla prova la vostra capacità di “dattilografi”: nella sfida di default, avrete a disposizione un minuto di tempo ed un testo scelto a caso, che dovrete ricopiare parola per parola cercando di commettere meno errori possibile.

LEGGI ANCHE: Giochi nella ricerca Google

Allo scadere del tempo l’app calcolerà il vostro risultato, permettendovi di creare una classifica locale, ma anche di paragonarvi ai giocatori di tutto il mondo grazie a Google Play Games. Ovviamente, gran parte del risultato dipenderà dalla tastiera che sceglierete di utilizzare (e dalle sue impostazioni, visto che i testi disponibili sono attualmente soltanto in inglese), ma finalmente avrete un modo efficace per sapere, fra i vostri amici, chi sia il “dito più veloce della compagnia”.

Download gratuito

The Typist è disponibile gratuitamente sul Play Store (ma rimuovere la pubblicità al suo interno vi costerà 0,72 €): potete scaricarlo cliccando sul badge che trovate a seguire, ma non dimenticatevi poi di commentare più sotto per farci sapere i vostri punteggi migliori!

Google Play Badge

L’articolo Sfidatevi a scrivere il più velocemente possibile, con The Typist (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

I futuri dispositivi Samsung potrebbero avere display super-idrofobici

Display idrofobico

Il dipartimento energetico dei laboratori Oak Ridge National Laboratory ha annunciato oggi di aver ceduto la licenza esclusiva a Samsung per la tecnologia relativa ad un film super-idrofobico che permetterà di migliorare le performance dei display di vetro di smartphone, tablet e altri dispositivi con touch-screen.

Si tratta di una copertura trasparente in grado non solo di respingere con efficacia i liquidi, ma anche di ridurre i riflessi della luce e di resistere maggiormente alle impronte. A detta del laboratorio l’acqua “rimbalzerà” letteralmente sul display: una superficie si dice super-idrofobica se ha un angolo di contatto di 150°, la pellicola realizzata dal laboratorio ha un angolo compreso tra i 155 e i 165 gradi.

 

L’articolo I futuri dispositivi Samsung potrebbero avere display super-idrofobici sembra essere il primo su AndroidWorld.

Lenovo Blaster, controller bluetooth a forma di pistola per VR e AR (foto)

lenovo-Blaster-1

Da alcuni documenti emersi dalla FCC, pare che Lenovo stia lavorando ad una strana periferica bluetooth che potrebbe, in un futuro non troppo lontano, arrivare nei negozi. Si tratta di un blaster, una specie di controller a forma di pistola con annesso pad con tasti direzionali e levetta analogica.

La periferica dovrebbe essere pienamente compatibile con Android, e dalle immagini scopriamo che, oltre ad avere mille tasti e levette, ha anche il supporto aptico, il tanto caro jack per le cuffie – che i possessori di iPhone 7 ancora rimpiangono – ed un sistema di accoppiamento rapido con il dispositivo a cui deve essere collegato.

LEGGI ANCHE: Si chiama AP40, è un controller bluetooth e sapete già di volerlo (foto)

La batteria sarà da 500 mAh e fornirà ben 25 ore di autonomia in gioco (12 ore se attiviamo la vibrazione), oppure 30 giorni in standby.

I pochi dati che abbiamo a disposizione ovviamente non ci dicono molto sull’utilizzo e sui dispositivi a cui potrà essere abbinato il nuovo controller, ma possiamo immaginare che sarà una periferica perfetta per la realtà virtuale e la realtà aumentata – ci aspettiamo la compatibilità con i visori Daydream e con i dispositivi dotati della tecnologia Project Tango –, visti anche i recenti investimenti di Lenovo in questo campo.

L’articolo Lenovo Blaster, controller bluetooth a forma di pistola per VR e AR (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Spotify lancia Daily Mix, nuove playlist giornaliere con la musica che amiamo

spotify-final

La playlist del lunedì mattina, Discover Weekly, è una delle funzioni più amate di Spotify e anche la nuova Release Radar con le novità del venerdì è stata accolta molto bene.

E insomma, Spotify avrà capito che gli utenti apprezzano molto le raccolte personalizzate sui propri gusti e, per questo, ha deciso di lanciare una serie di playlist che si aggiornano quotidianamente chiamate Daily Mix.

Queste nuove playlist si basano sui gusti degli utenti ma, a differenza di Discover Weekly che cerca di proporre anche nuovi contenuti, le Daily Mix sono un concentrato di brani che amate, una sorta di radio che passa solo la musica che vorreste ascoltare. È anche possibile personalizzare queste raccolte, cliccando sull’icona del cuore per le canzoni preferite e sull’icona del divieto per quelle che non vorremmo più tra i Daily Mix.

LEGGI ANCHE: Spotify a quota 40 milioni di utenti paganti

Se eravate già affezionati a Discover Weekly e Release Radar, adesso saprete cosa ascoltare anche nel resto della settimana: le playlist Daily Mix sono in fase di roll out su Android e iOS, sia per gli utenti free che premium e le troverete nella sezione La tua libreria. Di seguito il comunicato stampa ufficiale.

Riscopri la tua musica preferita con Daily Mix

Milano, 27 Settembre 2016 – Oggi Spotify mette al centro la musica preferita dagli utenti con il lancio di Daily Mix, una serie di playlist con una riproduzione quasi infinita che unisce le proprie tracce preferite con canzoni nuove che Spotify ha pensato appositamente per l’utente, risparmiandogli la fatica di creare una sessione di ascolto perfetta.

Con Daily Mix, ci si sintonizzerà su un mix di musica che si conosce e si ama, aggiornata costantemente da nuove playlist. Che si sia dell’umore di ballare o di ascoltare musica più rilassante, è sufficiente selezionare il proprio mix e godersi le tracce preferite e più conosciute, arricchite anche da nuova musica.  Gli utenti potranno riscoprire tracce dimenticate o trovare un mucchio di nuovi artisti preferiti.

Con l’evolversi dei propri gusti musicali, così cambierà anche il proprio Daily Mix. Infatti, più si ascolta, più accurati diventeranno i propri Mix – offrendo così un’esperienza musicale perfetta basata interamente sulle proprie abitudini di ascolto. La nuova scoperta musicale non è di proprio gusto? È sufficiente “bandire” la traccia per rimuoverla dalle future playlist. Se invece è la canzone perfetta per i propri gusti bisogna ricordarsi di cliccare sull’icona a forma di cuore per aggiungerla alla propria collezione.

Con Daily Mix, Spotify vuole trovare un modo per rendere la riproduzione e l’organizzazione quotidiana di ascolto musicale scorrevole, e meno laboriosa. Offrire costantemente playlist aggiornate della propria musica preferita con una riproduzione quasi illimitata permetterà agli utenti di trascorrere meno tempo ad aggiornare le proprie playlist e averne di più per godersi la musica che amano.

Daily Mix sarà disponibile nella propria Libreria nella versione di Spotify più aggiornata su Android e iOS a livello globale, sia agli utenti free che a quelli premium. I nuovi utenti potranno accedere a Daily Mix dopo circa due settimane di ascolto. La nuova feature sarà presto disponibile su nuove piattaforme.

L’articolo Spotify lancia Daily Mix, nuove playlist giornaliere con la musica che amiamo sembra essere il primo su AndroidWorld.

Samsung Galaxy S8: ecco le ultime novità per il futuro top di gamma

Samsung, azienda leader nel mondo della telefonia, secondo indiscrezioni apparse su Weibo sarebbe già al lavoro sul suo prossimo top di gamma, ovvero il Samsung Galaxy S8.

La prossima versione dello smartphone di Samsung dovrebbe naturalmente essere il dispositivo più potente di sempre della multinazionale sud coreana. Le ultime indiscrezioni riguardanti questo device, come era facile aspettarsi, affermano che l’hardware sarà di altissimo livello.

samsung-galaxy-s8-01

Samsung al lavoro sul suo prossimo top di gamma

Samsung Galaxy S8 potrebbe essere dotato, infatti, di una fotocamera posteriore da ben 30 mega-pixel!

Le ultime indiscrezioni vorrebbero il nuovo smartphone equipaggiato con il Qualcomm Snapdragon 830, coadiuvato dalla presenza di ben 6 GB di memoria RAM. Il dispositivo sarebbe caratterizzato anche dalla presenza di uno schermo da 5.2 pollici con una risoluzione QHD, di una fotocamera frontale da 9 mega-pixel, che incluederebbe anche uno scanner della retina.

Per quanto concerne l’autonomia, il dispositivo dovrebbe essere dotato di una batteria da 4200 mAh mentre la versione Android dovrebbe essere verosimilmente la 7.0 Nougat.

Non dovrebbe mancare il lettore di impronte digitali, il supporto alla ricarica wireless veloce mentre, per quanto riguarda la memoria interna, questa dovrebbe essere da 64 o 128 GB, e dovrebbe essere possibile espanderla utilizzando una scheda micro SD.

Nuovi rumor vorrebbero che la multinazionale sud coreana, nel nuovo Samsung Galaxy S8, possa seguire l’esempio di Apple ed eliminare l’ingresso mini-jack per le cuffie da 3.5 mm in favore di una connessione tramite connettore Type C.

Voi cosa ne pensate del futuro top di gamma di casa Samsung?

samsung galaxy S8

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Samsung Galaxy S8: ecco le ultime novità per il futuro top di gamma sembra essere il primo su Gizblog.

UMi Plus in pre-ordine a meno di 200$

UMi Plus pre ordini

UMi Plus, uno dei nuovi dispositivi di casa UMi (abbiamo appena recensito UMi Max, dategli un’occhiata!) fu svelato dall’azienda lo stesso giorno di iPhone 7. Scelta infelice? Non tanto: il marchio UMi non è poi così conosciuto, e ha comunque trovato spazio anche sulle nostre pagine. A questo link potete trovare tutte le caratteristiche tecniche del dispositivo.

Il dispositivo in questione è ancora in pre-ordine, quindi non è uscito ufficialmente sul mercato. Se non ve la siete sentiti di pre-ordinarlo tramite il sito ufficiale, che vi sottoscriveva in realtà ad un servizio di segnalazione della disponibilità tramite e-mail, sappiate che UMi Super è attualmente in pre-ordine anche sul noto e-shop cinese BangGood. Grazie ad un coupon che trovate nella pagina che vi abbiamo appena linkato potete pre-ordinarlo a 195 dollari.

Qualche ulteriore dettaglio svelato da UMi prima di lasciarvi. Il dispositivo è dotato di una batteria da 4.000 mAh che, secondo i test dell’azienda, gli garantirebbe 32 ore e 45 minuti di conversazione sotto rete 3G o, alternativamente, 8 ore e 10 minuti di navigazione browser o 7 ore e 20 minuti di video playback o 6 ore e 39 minuti di gaming 3D. Dubitiamo di alcuni di questi dati (specialmente dell’ultimo), vi sapremo dire di più quando avremo l’opportunità di recensirlo.

Grazie a Nico
per la segnalazione

L’articolo UMi Plus in pre-ordine a meno di 200$ sembra essere il primo su AndroidWorld.

I giochi principali della serie Pokémon non arriveranno su smartphone

pokemon-go-jigglypuff

Se pensavate (o, meglio, speravate) che il successo mondiale di Pokémon GO avrebbe aperto la strada ai titoli principali della serie su smartphone, vi sbagliate di grosso.

A tal proposito si è espresso chiaramente il presidente di The Pokémon Company, Tsunekazu Ishihara, che in un’intervista a The Wall Street Journal poi ripubblicata da Gamingbolt, ha precisato che il titolo sviluppato in collaborazione con Niantic non influenzerà i titoli principali della serie, che continueranno a non essere pubblicati su smartphone.

LEGGI ANCHE: Recensione Pokémon GO

Secondo Ishihara, infatti, i dispositivi mobili non sono adatti a giochi che richiedono tempo e impegno, come ad esempio i capitoli principali della serie Pokémon.

L’articolo I giochi principali della serie Pokémon non arriveranno su smartphone sembra essere il primo su AndroidWorld.

Sottocosto Trony: prezzi tagliati su quantità limitate, non in tutte le regioni (foto)

Volantino-Trony-prima-metà-ottobre-2016_16

Vi abbiamo appena segnalato le offerte del nuovo volantino Unieuro, ma anche Trony si sta preparando a rinnovare le sue, con un “Sottocosto” che sarà valido dal prossimo 30 settembre al successivo 9 ottobre (anche se il volantino scade il 12 ottobre).

La formula è quella già vista, ossia degli articoli proposti a prezzo ribassato ma in quantità limitate e tra l’altro il flyer potrebbe non essere disponibile nei punti vendita fuori da Lombardia, Piemonte, Ligura, Valle d’Aosta, Veneto, Campania, Puglia, Basilicata. Cosa offre dunque la catena di elettronica con questi ribassi?

Un po’ di tutto: ci sono diversi smartphone, tra cui Samsung Galaxy S6 a 369€, Galaxy A5 (2016) a 269€ ed Apple iPhone 5S 16 GB a 299€. Anche i TV sono in primo piano come quello in copertina un Samsung da 50″ 4K e con HDR a 599€.

Ci sono ovviamente anche notebook HP, Acer ed ASUS, MacBook Air a 979€ e anche Surface Pro 4 è in sconto del 25% a 849€. Concludono il tutto anche gadget vari come droni e fotocamere e diversi wearable a buon prezzo, come il Fitbit Charge HR a 99€

In verità ci trovate anche molti elettrodomestici che però non vi riportiamo nella galleria qui sotto dedicata dispositivi più smart; li trovate comunque sul volantino integrale.

L’articolo Sottocosto Trony: prezzi tagliati su quantità limitate, non in tutte le regioni (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

In arrivo l’aggiornamento di sicurezza di settembre per Galaxy S6 e S6 edge

Samsung-Galaxy-S6-collection-final

Samsung, oltre all’aggiornamento dedicato a Galaxy J5 2015 arrivato a quanto pare in tutta Europa, ha anche iniziato il roll-out dell’aggiornamento di sicurezza di settembre per Samsung Galaxy S6 e Samsung Galaxy S6 edge per tutti i dispositivi acquistati in Europa.

L’aggiornamento, del peso di circa 140 megabyte, dovrebbe appunto comprendere le patch di sicurezza di settembre più qualche miglioria indirizzata proprio al sistema operativo e al dispositivo stesso. Controllate da Impostazioni -> Info sul dispositivo -> Scarica aggiornamenti manualmente.

L’articolo In arrivo l’aggiornamento di sicurezza di settembre per Galaxy S6 e S6 edge sembra essere il primo su AndroidWorld.

Samsung Galaxy J5 2015 (brand e no brand) si aggiorna a Marshmallow in Italia

Samsung Galaxy J5 - 7

Samsung ha rilasciato proprio in queste ultime ore l’aggiornamento ad Android 6.0.1 Marshmallow per uno dei suoi modelli low-cost del 2015, ovvero Samsung Galaxy J5 2015.

L’aggiornamento ad Android 6.0.1 Marshmallow non arriva solo per i modelli no brand, ma anche per tutti i modelli brandizzati dai vari operatori. Il bello è che Samsung sembra aver rilasciato l’aggiornamento contemporaneamente quasi in tutta Europa. Se avete quindi un Galaxy J5 2015 controllate la disponibilità dell’aggiornamento! Se volete scaricare manualmente il firmware potete dare un’occhiata a questo link.

Grazie a Valerio per la segnalazione
e per gli screenshot

L’articolo Samsung Galaxy J5 2015 (brand e no brand) si aggiorna a Marshmallow in Italia sembra essere il primo su AndroidWorld.

Expert: in arrivo il nuovo volantino con tante offerte

Oltre alle offerte Amazon che vi proponiamo ogni giorno, anche il volantino di Expert in arrivo ci mostra una serie di promozioni davvero interessanti. La catena di elettronica di consumo si prepara ad un nuovo mese proponendo un volantino intitolato “Il regalo è davvero grande“.

Questa promozione sarà valida dal 29 settembre fino al 16 ottobre. Un’interessante offerta è dedicata agli elettrodomestici. Acquistandone uno in promozione, sarà possibile ottenere in regalo una TV tra le 3 disponibili: Telefunken 43 pollici Full HD (valore 379 euro), Samsung 40 pollici Full HD e Telefunken 32 polici Full HD (valore 199 euro), in base all’elettrodomestico scelto.

volantino expert prima meta ottobre

Expert: ecco le offerte valide fino al 16 ottobre su tanti prodotti

Nelle pagine del volantino di Expert non mancano, comunque, sconti su TV, anche dei marchi più popolari quali Samsung, Sony, LG, Philips o Panasonic. Presente nel volantino anche qualche sound bar e diversi smartphone.

Tra questi abbiamo l’ultimissimo Huawei Nova Plus ma anche lo ShotX, il P9 e il P9 Lite, sempre proposti dall’azienda cinese. Altri dispositivi offerti da Expert includono l’LG G5 SE, l’Asus ZenFone 3, il Samsung Galaxy S7 Edge, alcuni telefoni di Wiko e il nuovo iPhone 7 di Apple.

Expert logo

La nota catena di elettronica di consumo propone anche diversi notebook Acer, Asus e HP ma anche MacBook e iMac. Altri prodotti offerti da Expert sono la nuova PS4 Slim da 1 TB con FIFA 2017 incluso, accessori e wearable.

Vi lasciamo con il link per consultare il volantino integrale di Expert. Ecco alcuni prodotti presenti nel volantino:

  • iPhone 7: 799 euro
  • iPad Pro 9.7″: 799 euro
  • Apple Watch: 439 euro
  • Sony TV 4K: 699 euro
  • LG TV 4K: 449 euro
  • Huawei P9: 599 euro
  • Huawei Nova Plus: 429 euro
  • Huawei P9 Lite: 299 euro
  • Asus ZenFone 3: 369 euro
  • LG G5 SE: 499 euro
  • Wiko Ufeel Lite: 159,90 euro
  • Samsung Galaxy J5 2016: 199,90 euro
  • PS4 Slim: 349,99 euro
  • Asus T101HA-GR001T: 249 euro
  • HP X360 13-U001NL: 599 euro
  • HP All-in-one 24-G013NL: 699 euro

Expert

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.


L’articolo Expert: in arrivo il nuovo volantino con tante offerte sembra essere il primo su Gizblog.

Volantino Unieuro: sconti su tutte le categorie e lampadine LED in regalo (foto)

unieuro-final

Fino al prossimo 29 settembre è ancora valido il volantino Unieuro che vi abbiamo segnalato un paio di settimane fa. Oggi vi riportiamo invece le offerte del volantino che sarà valido dal 30 settembre fino al prossimo 13 ottobre, dove trovate la consueta selezione di articoli in sconto (fino al 50% del prezzo di negozio) oltre ad una promozione che vi permette di avere in regalo un kit di lampadine LED Beghelli.

Per gli acquisti superiori ai 399€ (ci sono delle limitazioni su, ad esempio, ricariche telefoniche ed iPhone 7) viene infatti incluso un kit di 15 lampadine Zafiro LED di Beghelli, dal valore dichiarato di 199€. Sono molte le opzioni che avete per usufruire di questa promozione.

LEGGI ANCHE: Volantino Expert prima metà ottobre 2016

Infatti sul volantino ci trovate notebook di tutte le principali marche, come Acer, ASUS, HP o Lenovo, qualche desktop, Apple MacBook Pro, iPad e tablet vari. Ovviamente non mancano gli smartphone, come Samsung Galaxy S7 (tra l’altro con l’opzione per avere le IconX in regalo), Galaxy Xcover3, LG G5 SE, LG K10, Apple iPhone SE, Huawei Nova Plus e Meizu MX 6. Ci sono anche iPhone 7 ed Apple Watch Series 2, ma questi sono esclusi dalle promozioni.

Degni di nota anche i wearable TomTom Touch e Fitbit Charge 2, mentre completano il tutto TV di ogni taglio e risoluzione, accessori, periferiche, PS4 Slim con Fifa 2017, PS VR (dal 13 ottobre) e anche le nuove GoPro Hero 5 disponibili dal prossimo 3 ottobre. Insomma tanta scelta che potete consultare nella galleria qui sotto, ma se vi interessano anche elettrodomestici e articoli per la casa vi rimandiamo al volantino completo.

L’articolo Volantino Unieuro: sconti su tutte le categorie e lampadine LED in regalo (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Alcatel Pixi 4 Plus Power ufficiale: ben 5.000 mAh, ma il resto dell’hardware… è deludente (foto)

Alcatel Pixi 4 Plus Power - 6

Alcatel Pixi 4 Plus Power ufficiale – Alcatel “presenta” oggi un nuovo dispositivo pensato probabilmente per un pubblico molto giovane, visti i colori sgargianti, e che non ha voglia di caricare troppo di frequente lo smartphone. Vediamo per prima cosa le caratteristiche tecniche note.

Caratteristiche tecniche Alcatel Pixi 4 Plus Power

Il punto forte del dispositivo è sicuramente la batteria da 5.000 mAh. Purtroppo però al suo fianco troviamo un solo gigabyte di RAM, 8 GB di memoria interna e un processore sconosciuto, probabilmente un MediaTek di fascia bassa.

  • Schermo: 5,5″ HD (720 x 1.280 pixel)
  • Processore: sconosciuto
  • RAM: 1 GB
  • Memoria interna: 8 GB espandibili tramite microSD (fino a 32 GB)
  • Fotocamera posteriore: 13 megapixel
  • Fotocamera anteriore: 5 megapixel
  • SO: Android 6.0 Marshmallow
  • Batteria: 5.000 mAh
  • Dimensioni: 152 x 78,3 x 9,9 mm
  • Peso: 202g
  • Colori: nero, bianco, azzurro, verde, arancione
  • Altro: dual SIM (no LTE), Polaroid camera, Video stabilization (EIS), Arkamys optimized speakers, Power saving mode, Powerbank function, Fast charging

Uscita e prezzo

Al momento Alcatel non ha svelato né prezzo né disponibilità del suo nuovo Alcatel Pixi 4 Plus Power. Non sappiamo quindi in quali mercati ha intenzione di piazzare il prodotto. Il prezzo dovrebbe comunque essere piuttosto contenuto. Vi terremo aggiornati su eventuali notizie riguardanti il suolo italiano.

Alcatel Pixi 4 Plus Power Foto

L’articolo Alcatel Pixi 4 Plus Power ufficiale: ben 5.000 mAh, ma il resto dell’hardware… è deludente (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Together Price, il network made in Italy per condividere abbonamenti online

Together Price è il nome inglese di una nuova piattaforma made in Italy che vi consentirà di condividere con i vostri amici, ma anche con perfetti sconosciuti, il costo degli abbonamenti ai maggiori player e servizi streaming.(…)
Continua a leggere Together Price, il network made in Italy per condividere abbonamenti online su Androidiani.Com


© chiaraledda for Androidiani.com, 2016. |
Permalink |

Tags del post:

Micro Machines è finalmente disponibile per Android! (foto e video)

Micro Machines Android GIF

Micro Machines Android – L’attesa fortunatamente è durata solo un paio di mesi: Codemasters e Chillingo (ovvero EA) hanno appena rilasciato sul Play Store di Google la versione dedicata ad Android di Micro Machines, la nuova versione del gioco di corse ispirato ai micro modellini arrivati in commercio nell’oramai lontano 1986.

Tanti contenuti di gioco immersi in una grafica tridimensionale davvero niente male: così si presenta Micro Machines di Codemasters, che entra di prepotenza nell’attuale mercato videoludico con alle spalle un glorioso videogioco del 1991 sempre realizzato da Codemasters per un vasto numero di piattaforme. Vediamo le caratteristiche di gioco.

  • GRANDI CORSE SU SCALA MICROSCOPICA! – Corri su 18 divertentissimi percorsi, tra cui tavolini da pranzo, scrivanie, tavoli da biliardo e mobili di cucina. Puoi scegliere tra una vasta gamma di minuscole ma potenti MICRO MACHINES.
  • UN GIOCO LEGGENDARIO – I creatori originali, Codemasters, hanno aggiornato con amore il classico MICRO MACHINES adattandolo ai dispositivi mobili. Rivivi la passione, la rivalità, l’umorismo e il divertimento dei giochi originali degli anni Novanta!
  • G.I. JOE ALL’ATTACCO – Scendi in pista con sette classici veicoli da combattimento G.I. JOE. Domina le micro-corse con il carro armato H.I.S.S., cimentati nell’arena con il Cobra RAGE o crea scompiglio nella città dei giocattoli con il potente Rolling Thunder.
  • COLLEZIONALE TUTTE! – Colleziona tutti i 77 veicoli disponibili: bolidi da corsa, auto di lusso, camion dei pompieri, auto della polizia, vetture sportive, carri armati, hovercraft e tanto altro ancora.
  • COMBATTI CON I NERF! – Per la PRIMA VOLTA, MICRO MACHINES ti offre favolose arene in cui combattere. Usa dei veri blaster NERF per far fuori gli avversari e dominare l’arena!
  • PRONTO ALLA LOTTA – Scegli uno dei 3 tipi di evento ed equipaggia i tuoi veicoli! Puoi scegliere tra più di 60 potenziamenti: dagli scudi ai lanciafiamme, dalle asce ai raggi miniaturizzanti
  • DIVENTA CAMPIONE DEL MONDO – Sfoggia i colori della tua nazione nelle classifiche Facebook e Giocatore singolo, oppure unisciti ai tuoi amici e colleghi e conquistate il mondo tutti insieme!
  • ENTRA NEL CLUB – Unisciti a un club MICRO MACHINES o creane uno tuo, lascia il tuo segno nelle classifiche mondiali e gareggia ogni settimana per vincere grandi premi e sbloccare favolose customizzazioni.

Micro Machines è disponibile gratuitamente sul Play Store di Google: ciò implica per ovvie ragioni la presenza di acquisti in-app opzionali (addirittura fino a 99,99€). Se volete comunque provare con mano eccovi serviti con il badge per il download; a seguire anche trailer e screenshot. Buon divertimento!

Google Play Badge

Micro Machines Android Trailer

 Micro Machines Android Screenshot

L’articolo Micro Machines è finalmente disponibile per Android! (foto e video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Google potrebbe lanciare un nuovo tablet Nexus con Andromeda OS

Nuove informazioni provenienti da 9To5Google suggeriscono che Google potrebbe lanciare presto un nuovo tablet della serie Nexus prodotto in collaborazione con Huawei.

Il device, in particolare, potrebbe essere il primo ad essere mosso dal sistema operativo Andromeda. Quest’ultimo dovrebbe essere il risultato della fusione tra Android e Chome OS.

huawei-logo-4da2cb824f788cb59f352c03658fff6e039be92f

Google e Huawei potrebbero lanciare un nuovo tablet Nexus

La stessa fonte suggerisce anche che il nuovo terminale sarà più piccolo rispetto al Nexus 9, realizzato con la collaborazione di HTC.

Anche se la serie di prodotti Nexus potrebbe essere eliminata definitivamente in favore della gamma Pixel, un nuovo tablet da 7 polliciMade by Huawei” potrebbe arrivare presto.

La fonte, purtroppo, non ha rivelato nessun dettaglio sulle specifiche tecniche e neanche se questo dispositivo giungerà effettivamente sul mercato con la denominazione Nexus.

In base a precedenti indiscrezioni, però, il tablet potrebbe essere dotato di un processore quad-core Qualcomm Snapdragon 820 affiancato da 4 GB di RAM. Lo stesso device, poi, dovrebbe disporre anche di una fotocamera posteriore da 13 mega-pixel.

Google-nexus-logo-1dae70000db26c2b14209d7d6f49693d8d6dc38d

Le informazioni emerse nel rapporto di 9To5Google sostengono che l’attuale HTC Nexus 9 potrebbe essere attualmente in fase di test con Andromeda OS. Tuttavia, sarebbe solo un’operazione fatta per scopi di test e di ricerca. Quindi, gli attuali possessori del Nexus 9 potrebbero non ricevere il nuovo sistema operativo di Google.

Infine, la stessa fonte sostiene che “Big G” lancerà anche un dispositivo più grande, forse chiamato Pixel 3, entro la fine del 2016. Non vi è, sfortunatamente, alcun dettaglio specifico. Si presume, però, che il colosso del web stia per annunciare un nuovo prodotto volto a scontrarsi direttamente con la serie Surface Pro di Microsoft e l’iPad Pro di Apple.

È molto probabile che Google presenti questo nuovo dispositivo con Andromeda OS all’evento del 4 ottobre.

Logo Google Google.com

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.


L’articolo Google potrebbe lanciare un nuovo tablet Nexus con Andromeda OS sembra essere il primo su Gizblog.

Clock+: sveglia, timer e cronometro in versione Material (foto)

Clock+ (head)

L’Orologio è probabilmente una delle applicazioni più sottovalutate, e contemporaneamente più utilizzate, che ci siano su ogni smartphone. Ogni produttore la integra a modo suo, offrendo magari al suo interno il meteo e i fusi orari di varie città del mondo, ma se quello che cercate è un’app Material, semplice da utilizzare e versatile allora potete provare Clock+.

Come mostra chiaramente il nome, Clock+ è un’applicazione incentrata sulla misurazione del tempo: al suo interno troverete infatti la possibilità di impostare delle sveglie, un cronometro e uno strumento per impostare vari timer.

LEGGI ANCHE: Orologio sempre a schermo: Always On AMOLED

A colpire non sono comunque le funzionalità di Clock+, che ricalcano quelle che potreste aspettarvi da un’app di questo tipo (sveglie con ripetizione, possibilità di impostare vari timer concorrenti e cronometro con gestione dei vari tempi intermedi), ma piuttosto il suo look: l’app è infatti curata e minimale, offre un tema chiaro e uno scuro, e permette di avere sempre a portata di mano tutte le funzionalità disponibili e le informazioni sui timer già avviati.

Download gratuito

Clock+ è gratuita ed open source, e anche se non sarà l’app che stravolgerà il vostro modo di utilizzare lo smartphone, sicuramente è una buona scelta a cui guardare se non siete soddisfatti dell’orologio integrato dal produttore del vostro dispositivo. Potete installarla subito cliccando sul badge per il download che trovate a seguire.

Google Play Badge

L’articolo Clock+: sveglia, timer e cronometro in versione Material (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

5 app per… Facebook

migliori app android facebook

Torniamo ancora una volta con la nostra rubrica per le migliori app Android e, questa volta, ci dedichiamo ai sostituti di una delle app meno amate dagli utenti: Facebook.

Nonostante sia utilizzato praticamente da chiunque, il social network blu ha un’app mobile spesso considerata troppo pesante, motivo per cui in tanti preferiscono client di terze parti alternativi: vediamo quindi insieme le migliori app per Facebook.

Nota: Tenete presente che tutti i client sono basati sulla versione web di Facebook, quindi le funzioni esclusive dell’app di Facebook non possono essere integrate.

Metal for Facebook

Partiamo da Metal, un client Facebook di terze parti che include anche un client Twitter: molto comodo per chi preferisce utilizzare un’unica app per due social network, magari per risparmiare spazio. A parte questo, Metal supporta le notifiche, integra la possibilità di proteggere l’app con password o con impronta digitale e, nel complesso, è un’app leggera e ben fatta. È anche possibile selezionare quattro diversi temi (tra cui uno basato sul nero pensato per gli schermi AMOLED) ed attivare le impostazioni che impediscono il caricamento automatico delle immagini per risparmiare dati. Peccato che, a differenza degli altri client, non includa una selezione dei preferiti e non spicchi per numero di personalizzazioni.

  • Pro: Client Twitter, Supporto notifiche, sblocco con password o impronta
  • Contro: Poche personalizzazioni
  • Prezzo: Gratis e 1,50€

Get it on Google Play

SlimSocial for Facebook

SlimSocial è il client ideale per chi vuole il minimo indispensabile da Facebook: è davvero leggerissima (meno di 1 MB!) e ha un po’ di chicche utili, come il comodo tasto per tornare in cima e la possibilità di non caricare immagini per risparmiare dati. Non funzionano ancora le notifiche, ma l’app è ancora nelle prime fasi di sviluppo e promette grandi miglioramenti, anche considerando che è completamente gratuita e senza pubblicità e open source. Tuttavia, la natura ancora spartana del progetto si riflette anche in alcune piccole imperfezioni, tra cui un’interfaccia per i messaggi decisamente da migliorare.

  • Pro: Estremamente leggera, open source
  • Contro: Ancora un po’ spartana
  • Prezzo: Gratis

Google Play Badge

Folio for Facebook

Folio è senza dubbio uno dei client più interessanti tra quelli che abbiamo provato che, per la gioia di chi utilizza un po’ meno gli altri social network, include anche client per Instagram, Google+ e Tumblr (che sono solo web view). Ma oltre questo ha molti altri aspetti positivi, come la possibilità di impostare dei preferiti (accessibili con uno swipe da destra), di bloccare l’accesso all’app tramite PIN e di visualizzare i trending topic mondiali (che non sempre sono accessibili dall’Italia). Inoltre, Folio supporta le notifiche, ha un’ottima UI e presenta diversi temi e parecchie possibilità di personalizzazione (anche se alcune disponibili solo con la versione PRO). Molto comodo il FAB per accedere rapidamente alle azioni. Dulcis in fundo, è anche open source.

  • Pro: Client Instagram e Google+, Preferiti, Altamente personalizzabile, Ottima UI, Supporto notifiche
  • Contro: Nulla da segnalare
  • Prezzo: Gratis e 1,59

Get it on Google Play

Swipe for Facebook

Swipe è un’altra ottima app per Facebook, che condivide con la precedente Folio la grande cura per l’interfaccia grafica e le numerose possibilità di personalizzazione. Anche Swipe supporta le notifiche, i preferiti con swipe da destra, permette di proteggere l’app con un PIN e ha diverse impostazioni per personalizzare aspetto e funzioni. Anche qui troviamo poi diversi temi (di cui la maggior parte solo a pagamento), con l’intelligente possibilità di passare automaticamente al tema scuro nelle ore notturne. Interessante anche la possibilità di filtrare le notifiche e la modalità di Risparmio energetico (entrambe disponibili solo nella versione Pro).

  • Pro: Ottima UI, Tante impostazioni personalizzabili, Tema notturno automatico, Preferiti
  • Contro: Nulla da segnalare
  • Prezzo: Gratis e 3,09


Get it on Google Play

Facebook Lite

Concludiamo con un client che non possiamo definire esattamente di terze parti, considerando che quest’app è sviluppata proprio dal team di Facebook. Tuttavia, Facebook Lite non è mai stato pubblicato in Italia ed è possibile solo tramite il download dell’APK. Come promette il nome, questo client è davvero estremamente leggero, ma probabilmente non vi farà sentire la mancanza dell’app ufficiale. Risulta piuttosto grossolano dal punto di vista dell’interfaccia ma, a differenza del Facebook a cui siete abituati, permette di chattare correttamente senza la necessità installare Messenger.

  • Pro: Leggero ed essenziale
  • Contro: Interfaccia da rivedere
  • Prezzo: Gratis

Download APK

L’articolo 5 app per… Facebook sembra essere il primo su AndroidWorld.

Samsung Galaxy C9 sbarca anche su GFXBench

Dopo essere apparso su GeekBench e AnTuTu, il nuovo Samsung Galaxy C9 arriva anche su GFXBench confermando alcune delle specifiche già dichiarate negli altri siti di benchmarking.

(…)
Continua a leggere Samsung Galaxy C9 sbarca anche su GFXBench su Androidiani.Com


© federicogambarelli for Androidiani.com, 2016. |
Permalink |

Qui trovi la classifica del miglior smartphone android

Tags del post: ,

Lenovo licenzia quasi 1100 dipendenti in casa Motorola

La vita per Motorola, da alcuni anni, è diventata difficile e senza prospettive rosee. Arriva oggi la notizia che Lenovo, azienda che ha acquisito Motorola nel 2014, ha imposto un taglio di personale all’azienda americana.

Lenovo-Motorola-andamento-2-1024x576-da9a02de606ded3555b7b8e7fb426589055c9028

Aria di cambiamenti

È di oggi la notizia che Motorola ha licenziato poco meno del 2% dei 55.000 impiegati che la compagnia ha nel mondo, ovvero circa 1100 licenziamenti in totale.

Uno degli ormai ex impiegati ha riportato su Facebook la notizia, confermandola prima che venisse resa nota, aggiungendo, inoltre, che Lenovo stava trasferendo sempre più operazioni in Cina, una manovra in crescita negli ultimi due anni. Infine, questo ormai ex dipendente, riportava che, stando alle voci di corridoio interne a Motorola, Lenovo volesse anche trasferire il personale rimasto da Chicago alla sede di Lenovo US in Nord Carolina.

lenovo microsoft accordoLa risposta di Motorola

Motorola ha fatto sapere in via ufficiale che la decisione è stata presa dall’azienda stessa come “parte della strategia di integrazione in corso tra Lenovo e la divisione smartphone business di Motorola, in quanto la società adegua ulteriormente la sua organizzazione e snellisce il suo portafoglio di prodotti per competere meglio nel mercato globale degli smartphone.”  Motorola fa, inoltre, sapere che la società è “assolutamente impegnata a Chicago” e che il quartier generale rimarrà lì.

Quest’ultima ondata di licenziamenti segue le due precedenti di 200 impiegati, avvenuta circa un anno fa, e l’altra di 500, giunta alcuni mesi prima. Se ne ricava, dunque, che non sono rimaste molte persone impiegate nell’azienda che, nonostante il lancio del nuovo Moto Z e le prospettive di vendita altissime, sembra non essere ancora riuscita a tornare agli splendori di un tempo.

Lenovo-Motorola-andamento-1-1024x768-1173a58c4a2bc61c8809758813d6c9b59b66169dVi riportiamo il link al comunicato di Lenovo sugli ultimi licenziamenti, ricordandovi che è in inglese.

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.


L’articolo Lenovo licenzia quasi 1100 dipendenti in casa Motorola sembra essere il primo su Gizblog.

Arrivano nuove (vecchie!) icone per “Ricerca dallo schermo”, o Now on Tap, se preferite (foto)

icone now on tap

C’è un po’ di confusione al momento con i servizi di assistenza di Google. Prima le schede Now vengono rinominate semplicemente in feed, e ora Now on Tap, prima tradotto come Now Ovunque (che rimane ancora il nome ufficiale in alcune schermate), diventa Ricerca dallo schermo, e con l’occasione del cambio di nomi, guadagna anche delle nuove icone, che in realtà avevamo già intravisto diversi mesi fa.

Probabilmente questi cambi di nome sono pensati per fare posto al Google Assistant, che ci aspettiamo sia ufficialmente presentato il 4 ottobre, anche se in realtà possiamo già utilizzarlo all’interno di Allo

LEGGI ANCHE: Google Allo e Assistant, la nostra prova (foto e video)

Le nuove icone compaiono se lancerete (pressione prolungata del pulsante home) Now on Tap Ricerca dallo schermo sulla homescreen o comunque laddove Now on Tap non abbia suggerimenti da proporvi. In questo caso avrete dei link rapidi per creare memo, eventi, timer, sveglie e per navigare fino a casa. Più sotto ci sono altre icone, per rimandarvi a ristoranti, bar, caffè, bancomat, distributori di benzina, parcheggi, farmacie, centri commerciali, alimentare, poste, alberghi e attrazioni nelle vicinanze; tutte queste non faranno altro che avviare Google Maps, con una ricerca corrispondente all’icona cliccata. Infine, abbiamo anche la classica scheda del meteo, che non può mai mancare.

Come dire: anche se non so cosa dirti su questa schermata, almeno cerco di suggerirti qualcosa di utile (a questo punto tanto valeva includere l’intero flusso di Google Now però, anche se non è detto che non arrivi in futuro). Date un’occhiata agli screenshot qui sotto, oppure provate sul vostro dispositivo: dovreste averlo anche voi.

L’articolo Arrivano nuove (vecchie!) icone per “Ricerca dallo schermo”, o Now on Tap, se preferite (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Finalmente confermate le specifiche di Honor 6X, ma il prezzo?

Honor 6X

Honor 6X dovrebbe essere lanciato ad ottobre, almeno in Cina, ma finora non avevamo ancora un quadro affidabile delle sue caratteristiche tecniche, sebbene le ipotesi fossero molte. Per fortuna, la certificazione TENAA dipana questa volta un po’ di dubbi, confermando non solo il design, ma anche buona parte delle specifiche dello smartphone.

Honor 6X  sarà quindi un 5,5” (full HD?) con SoC Kirin 650, 3 GB di RAM e 32 GB di memoria interna. Il comparto fotografico vede un sensore frontale da 8 megapixel, mentre sul retro i due sensori avranno risoluzione differente: 12 megapixel per quello principale e 2 megapixel per il secondario, che quindi servirà probabilmente solo per calcolare meglio la profondità di campo ed ottenere effetti di re-focus anche post scatto.

LEGGI LA RECENSIONE: Honor 8 (foto e video)

Il tutto sarà alimentato da una batteria da 3.340 mAh, racchiusa all’interno di una scocca metallica, fatta eccezione per le due estremità per le antenne, realizzate in plastica. Al di sotto delle dual-camera posteriori è possibile inoltre vedere il lettore di impronte digitali. Per tutti i dettagli mancanti, (il prezzo sarà la vera chiave di volta) vi rimandiamo comunque all’evento Honor che dovrebbe tenersi il 18 ottobre.

L’articolo Finalmente confermate le specifiche di Honor 6X, ma il prezzo? sembra essere il primo su AndroidWorld.

Il 90% degli utenti è rimasto fedele a Galaxy Note 7: e voi?

Galaxy note 7 fuoco

Samsung snocciola i numeri del programma di ritiro di Galaxy Note 7, e l’azienda gioisce per il fatto che i suoi clienti hanno deciso di rimanerle fedeli, nonostante i problemi riscontrati nella batteria dello smartphone, che in alcune circostanze potevano portare anche all’esplosione della stessa.

Dall’inizio del programma di sostituzione, i numeri sono stati i seguenti

  • Circa il 90% degli utenti di Galaxy Note 7 hanno scelto un nuovo Galaxy Note 7 in sostituzione del precedente
  • Più del 60% dei Galaxy Note 7 venduti in USA e Corea sono stati scambiati attraverso il programma di rientro
  • A Singapore, più dell’80% dei clienti hanno partecipato, ed il programma di sostituzione è attivo da appena 10 giorni (dal 17 settembre)

Letti altrimenti, potremmo dire che Samsung ha perso al più il 10% di utenti di Note 7 (il numero non può che diminuire, via via che altre persone sostituiranno il proprio phablet) e che comunque ancora in molti devono riportare indietro il proprio modello, sempre che decidano davvero di farlo.

Da parte nostra ribadiamo l’invito a sostituire quanto prima il vostro Galaxy Note 7, se ancora non aveste provveduto. Abbiamo già spiegato i dettagli del programma di restituzione in Italia in questo articolo.

L’articolo Il 90% degli utenti è rimasto fedele a Galaxy Note 7: e voi? sembra essere il primo su AndroidWorld.

Youtube Go: finalmente sarà possibile guardare i video offline

Youtube Go: dopo averne parlato per diverso tempo, cercando di anticiparne le possibili funzioni che l’avrebbero differenziata rispetto alla versione standard, ecco che l’attesa applicazione di Google è stata ufficialmente annunciata.

(…)
Continua a leggere Youtube Go: finalmente sarà possibile guardare i video offline su Androidiani.Com


© nicopetilli for Androidiani.com, 2016. |
Permalink |

Tags del post: , ,

WhatsApp beta aggiunge i link di invito ai gruppi ed un pulsante per inoltrare contenuti (foto)

WhatsApp-logo-final

Arrivano in WhatsApp beta due novità, una delle quali ampiamente anticipata e l’altra un po’ inattesa. La prima è la possibilità di invitare nuovi utenti ad unirsi ad un gruppo tramite link. Dovrete semplicemente cliccare sul nome del gruppo, e quindi sul pulsante per aggiungere partecipanti, e la prima opzione che avrete sarà: invita al gruppo tramite link.

Detto link verrà generato automaticamente, e rimarrà valido finché non cliccherete sulla voce revoca link, nel qual caso ne verrà subito generato un altro automaticamente.. Condividerlo è poi semplicissimo, perché avrete tre opzioni: invia link tramite WhatsApp, che parla da sola, copia link, che vi permetterà di incollarlo dove volete, e condividi link, che sfrutta la condivisione nativa di Android per farvi condividere il link con l’app che preferite (otterrete questo stesso effetto premendo in alto sul link stesso).

L’altra novità ha la forma di una freccia, che compara al fianco di foto, video ed altri contenuti condivisi nelle chat di WhatsApp, come anche i link visti in precedenza. Si tratta di una scorciatoia per inoltrare quel contenuto ad altre chat, sempre tramite WhatsApp. Si tratta di un piccolo accorgimento, che in effetti velocizza un po’ la condivisione di contenuti all’interno WhatsApp, e che quindi accogliamo volentieri.

Vi raccomandiamo quindi di iscrivervi alla beta di WhatsApp per avere sempre l’ultima versione; in alternativa potete scaricare l’apk della versione 2.16.281 da questo link.

L’articolo WhatsApp beta aggiunge i link di invito ai gruppi ed un pulsante per inoltrare contenuti (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

YouTube Go è la nuova app ufficiale per l’uso su connessioni lente. No, non le vostre! (foto)

YouTube Go - 3

Google sta spingendo molto sul mercato indiano, e dopo l’importante update di Chrome che abbiamo visto qualche mese fa, nato per ottimizzare le connessioni lente (e che per fortuna sarà su scala globale), adesso arriva anche una nuova app, YouTube Go, esclusiva dell’India, almeno inizialmente.

YouTube Go è infatti stata pensata espressamente per quelle aree dove la connettività non è certo ai livelli di quella italiana (sì, da noi la rete mobile è “buona”). L’app permette infatti di scaricare video offline (funzione per altro già nota agli utenti indiani), con opzioni per la qualità e quindi la dimensione, e soprattutto con la possibilità di condividere contenuti con gli utenti vicini, senza il consumo di dati mobili (Bluetooth? Wi-Fi?).

LEGGI ANCHE: YouTube Gaming si aggiorna alla 1.7 con una chat ridisegnata (foto e download apk)

L’app non è al momento disponibile, nemmeno in India, dove però è possibile registrarsi per essere tra i primi a provarla. Nessuna comunicazione ufficiale, al momento, è però stata diramata circa l’effettiva disponibilità, né sul mercato indiano, né altrove.

L’articolo YouTube Go è la nuova app ufficiale per l’uso su connessioni lente. No, non le vostre! (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Plex Cloud: il media server personale va sulla nuvola di Amazon Drive

Plex-Cloud-Amazon-Drive

Plex su Amazon Drive – Plex è una delle soluzioni più popolari per la gestione e l’accesso alle raccolte di file video (principalmente film e serie TV) e musicali di un certo volume su un server locale, sia questo un PC, un NAS o un sistema realizzato ad hoc.

Adesso le funzioni diventano più a portata di tutti grazie all’integrazione di Plex con Amazon Drive, il servizio di cloud arrivato meno di un mese fa in Italia che per 70€ l’anno offre spazio di archiviazione illimitato (i primi tre mesi sono in prova gratuita).

LEGGI ANCHE: Amazon Drive arriva in Italia, 3 mesi di prova gratuita per il cloud illimitato

Di fondo il concetto rimane lo stesso e sarà possibile utilizzare Plex con la relativa app disponibile per tutte le principali piattaforme – Android, iOS, web, Windows 10 – per accedere al proprio media center personale. La differenza è che con Plex Cloud, questo il nome del Plex Server adattato per Amazon Drive, file video si troveranno sul vostro spazio Amazon Drive piuttosto che su un disco fisso locale.

Per sfruttare Plex Cloud vi servirà un account Plex Pass, che costa 4,99€ al mese, 39,99€ all’anno o 150€ per una licenza a vita. A questo ci dovete aggiungere il costo di Amazon Drive, sul quale potete comunque conservare tutti i vostri altri file.

Per chi ha una raccolta multimediale importante e una connessione che offra un upload decente Plex Cloud potrebbe essere una valida alternativa soprattutto perché elimina del tutto la parte di configurazione e manutenzione dell’hardware, non sempre così economico o infallibile. Sarà questa innovazione a portarvi sulla nuvola di Amazon?

L’articolo Plex Cloud: il media server personale va sulla nuvola di Amazon Drive sembra essere il primo su AndroidWorld.

Google Pixel: nuovo render rivela la presunta UI di Android 7.1 Nougat

Ormai sappiamo per certo che Google annuncerà ufficialmente i nuovi smartphone Google Pixel e Google Pixel XL in un evento che si terrà la prossima settimana, esattamente il 4 ottobre. Purtroppo, il colosso del web non ha fornito alcun dettaglio sui prossimi dispositivi.

Evan Blass, meglio conosciuto come evleaks, e Venture Beat hanno confermato che sia il Pixel base che la variante XL verranno effettivamente annunciati il 4 ottobre. Oltre a questo dettaglio, Evan Blass ha mostrato un render ritraente il Google Pixel.

google pixel render evleaks

Google Pixel: ecco un nuovo render fornito da evleaks

Quest’ultimo sarà il modello più piccolo tra i due. In base ai recenti rumor, infatti, il telefono dovrebbe disporre di un display da 5 pollici di diagonale con risoluzione Full HD 1920 × 1080 pixel. Il Google Pixel XL, invece, dovrebbe essere caratterizzato da un display da 5.5 pollici Quad HD.

Come è possibile vedere nel render presente nell’articolo, lo smartphone è dotato di un’interfaccia utente leggermente diversa da quella presente sugli smartphone mossi da Android 7.0 Nougat. Tra le nuove caratteristiche abbiamo il widget G (Google) e i tasti virtuali per la navigazione ridisegnati.

Google pixel render

Questa nuova interfaccia presente sul Google Pixel dovrebbe essere portata in dote dal nuovo Android 7.1 Nougat. Oltre a ciò che riguarda il sistema operativo, è possibile notare la presenza di alcune caratteristiche del design come ad esempio la presenza del pulsante di accensione e del bilanciere del volume sul lato destro, la fotocamera anteriore posta in alto a sinistra, affiancata dalla capsula auricolare e con i sensori posti al di sotto, centralmente.

Oltre al pannello frontale, il nuovo dispositivo dovrebbe disporre di una back-cover rivestita in vetro. Qui prenderanno posto la fotocamera posteriore e il sensore di impronte digitali. Sia Pixel che il Pixel XL dovrebbero essere prodotti da HTC.

Google pixel pubblicità nest

Cosa sappiamo sulle specifiche tecniche

I due smartphone dovrebbero condividere la maggior parte delle specifiche tecniche. Esempi sono un processore Snapdragon 820 o 821, 4 GB di RAM, almeno 32 GB di storage interno e un comparto fotografico composto da una fotocamera posteriore da 12 mega-pixel e da una frontale da 8 mega-pixel.

Secondo le ultime news provenienti dal web, “Big G” potrebbe implementare la certificazione IP53 per rendere i due telefoni resistenti agli spruzzi d’acqua e alla polvere.

Per quanto riguarda i prezzi, il Google Pixel potrebbe essere presentato ad un prezzo di partenza di 649 dollari (circa 578 euro) mentre la variante XL sarà sicuramente più costosa.

google pixel e pixel xl cover

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.


L’articolo Google Pixel: nuovo render rivela la presunta UI di Android 7.1 Nougat sembra essere il primo su Gizblog.

Xiaomi Mi5s e Mi5s Plus ufficiali: quando il “plus” sono 6 GB di RAM e doppia fotocamera! (foto)

Xiaomi Mi5s e Plus

Xiaomi ha annunciato due nuovi top di gamma, Mi5s e Mi5s Plus. Abbiamo detto “due” top di gamma e non due varianti, perché nonostante gli smartphone siano separati da un solo “plus”, le differenze tra i due non sono di poco conto: eccole tutte elencate qui sotto.

Caratteristiche Tecniche Xiaomi Mi5s

  • Schermo: 5,15” full HD, 600 nit, 94,4% NTSC color gamut, contrasto 1500 : 1
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 821 con GPU Adreno 530
  • RAM: 3 / 4 GB LPDDR4
  • Memoria interna: 64 / 128 GB UFS 2.0
  • Fotocamera posteriore: 12 megapixel Sony IMX378, con dual-tone LED flash, f/2.0, PDAF, registrazione video in 4K, 120fps slow motion a 720p
  • Fotocamera frontale: 4 megapixel, f/2.0 aperture, ripresa di 80°, video full HD
  • Connettività: dual SIM (nano + nano), LTE, Wi-Fi 802.11ac dual-band, Bluetooth 4.2, GPS/GLONASS, NFC, USB Type-C
  • Batteria: 3.200 mAh con Quick Charge 3.0
  • Dimensioni: 145,6 x 70,3 x 8,25 mm
  • Peso: 145 grammi
  • OS: Android 6.0 Marshmallow con MIUI 8

Lo smartphone è dotato anche di lettore di impronte ad ultrasuoni, il che significa che non c’è alcun sensore fisico esterno, dato che tutta la tecnologia necessaria al riconoscimento delle impronte si trova al di sotto del display (dovrete comunque posizionare il dito nella parte frontale, in basso). In questo modo il sensore non è esposto, durerà di più nel tempo e dovrebbe essere altrettanto preciso.

La versione da 4 / 128 GB è inoltre dotata di schermo sensibile alla pressione, con tecnologia di Synaptics, che distingue quindi tra pressione leggera e più forte, e reagisce di conseguenza, mostrando opportuni menu pop-up. Non sappiamo di preciso quante applicazioni supportino questa tecnologia, che finora su Android stenta a prendere piede, perché sviluppata solo da pochi produttori e limitatamente alle proprie app. Per fortuna, con Android 7.1, le cose dovrebbero cambiare.

Caratteristiche Tecniche Xiaomi Mi5s Plus

  • Schermo: 5,7” full HD, 550 nit, 94% NTSC color gamut, contrasto 1300 : 1
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 821 con GPU Adreno 530
  • RAM: 4 / 6 GB LPDDR4
  • Memoria interna: 64 / 128 GB UFS 2.0
  • Fotocamera posteriore: dual camera da 13 megapixel con dual-tone LED flash, PDAF, registrazione video in 4K, 120fps slow motion a 720p
  • Fotocamera frontale: 4 megapixel, f/2.0 aperture, ripresa di 80°, video full HD
  • Connettività: dual SIM (nano + nano), LTE, Wi-Fi 802.11ac dual-band, Bluetooth 4.2, GPS/GLONASS, NFC, USB Type-C
  • Batteria: 3.800 mAh con Quick Charge 3.0
  • Dimensioni: 154,6 x 77,7 x 7,95  mm
  • Peso: 168 grammi
  • OS: Android 6.0 Marshmallow con MIUI 8

Come vedete, Mi5s Plus non solo è più grande del precedente modello, ma vanta anche fino a 6 GB di RAM e soprattutto una doppia fotocamera posteriore, che Xiaomi esalta negli scatti in bianco e nero (ne trovate nella galleria a fine articolo), ottenuti con uno dei due sensori. Non sappiamo di preciso come funzionino le foto a colori, cioè se uniscano informazioni da entrambi i sensori, come Huawei proclamava facessero i suoi P9.

Col crescere delle dimensioni cresce anche la capacità della batteria, ma sinceramente siamo un po’ delusi dal fatto che Xiaomi continui a mettere batterie più capienti negli entry-level che non nei top di gamma.

Uscita e Prezzo

Xiaomi Mi5S sarà disponibile in Cina dal 29 settembre nei colori dark gray e golden con finitura in metallo spazzolato lucido, e silver e rose gold con finitura opaca, al prezzo di 1.999 yuan (circa 270€) per il modello da 3 / 64 GB, e di 2.299 yuan (circa 310€) per quello da 4 /128 GB.

Xiaomi Mi5s Plus sarà disponibile in Cina dal 29 settembre nei colori gold, dark grey, silver e rose gold, al prezzo di 2.299 yuan (circa 310€) per il modello con 4 / 64 GB, e 2.599 yuan (circa 350€) per quello da 6 / 128 GB.

Foto Xiaomi Mi5s

Sample Fotografici Xiaomi Mi5s

Foto Xiaomi Mi5s Plus

Xiaomi Mi5s Plus Sample Fotografici

L’articolo Xiaomi Mi5s e Mi5s Plus ufficiali: quando il “plus” sono 6 GB di RAM e doppia fotocamera! (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Volantino Expert: smartphone, notebook e TV in regalo con gli elettrodomestici (foto)

Volantino-Expert-prima-metà-ottobre-2016_22

Volantino Expert – Tra le tante offerte valide in questi giorni, c’è il volantino Expert valido fino a domani. Tuttavia la catena di elettronica si prepara ad un nuovo round con il flyer titolato “Il regalo è davvero grande”, che sarà valido dal 29 settembre fino al 16 ottobre.

Il tipo di promozione è simile a quanto visto con altri volantini, con un plus dedicato agli elettrodomestici: acquistando uno di quelli promozionati (alcuni anche in sconto) sarà possibile ottenere in regalo un TV, un Telefunken 43″ full HD, un Samsung 40″ full HD o un Telefunken 32″ full HD, a seconda dell’elettrodomestico.

Nelle pagine del volantino non mancano comunque TV, tutti in sconto, dei marchi più popolari come Samsung, Sony, LG, Philips o Panasonic; c’è anche qualche sound bar e diversi smartphone. Tra questi Huawei Nova Plus, ShotX, P9 e P9 Lite, LG G5 SE, ASUS Zenfone 3, vari Wiko, Samsung Galaxy S7 edge e anche i nuovi iPhone 7 (non Plus).

Ci trovate poi diversi notebook (Acer, ASUS, HP…), MacBook ed iMac, accessori, wearable in sconto e anche console diverse console, tra cui PS4 Slim da 1 TB con Fifa 2017. Insomma la scelta non manca e se siete curiosi di sapere cosa offrirà Expert fino alla prima metà di ottobre vi lasciamo con una galleria con i dispositivi più smart; per gli elettrodomestici vi rimandiamo invece alla consultazione integrale.

L’articolo Volantino Expert: smartphone, notebook e TV in regalo con gli elettrodomestici (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Xiaomi Mi 5S e 5S Plus ufficiali: Snapdragon 821, 4/6GB di RAM e scanner biometrico ad ultrasuoni

Come previsto, in queste ore è stato presentato ufficialmente il nuovo Xiaomi Mi 5S, un ulteriore passo in avanti rispetto al predecessore Mi 5, che viene accompagnato anche dal fratello maggiore Mi 5S Plus. Dal punto di vista tecnico ed estetico sono state confermate tutte le indiscrezioni di queste settimane.

(…)
Continua a leggere Xiaomi Mi 5S e 5S Plus ufficiali: Snapdragon 821, 4/6GB di RAM e scanner biometrico ad ultrasuoni su Androidiani.Com


© mptm3c for Androidiani.com, 2016. |
Permalink |

Tags del post: ,

Licenziamenti in Motorola: Lenovo taglia posti negli USA

Motorola-Final

Dopo l’importante riorganizzazione dello scorso marzo, che ha spinto l’ex-dirigente Rick Osterloh a lasciare la posizione di leadership, Lenovo torna a tagliare la forza lavoro di Motorola, passata al colosso cinese ad ottobre 2014 per 2,91 miliardi di dollari. Dopo prime voci che parlavano di più di 700 di licenziamenti, è poi arrivata la conferma.

Il numero di posti tagliati sarebbero effettivamente “meno del 2%” del totale della forza lavoro Lenovo (55.000), cifre che si aggirano quindi sulle 1.100 persone. Sempre secondo le prime indiscrezioni si sospettava che Lenovo potesse chiudere la sede principale di Motorola di Chicago per spostare il personale rimanente in quella di Lenovo US, in North Carolina.

LEGGI ANCHE: Lenovo pubblica i risultati del suo anno fiscale, con un po’ di delusione per Motorola

Questa possibilità è stata poi smentita da Lenovo che ha puntualizzato il suo “impegno su Chicago”. In effetti non è un segreto che l’acquisizione di Motorola sia stata una manovra così redditizia per l’azienda cinese; lo scorso maggio, quando pubblicava i risultati del suo anno finanziario, dichiarava apertamente come “gli sforzi per l’acquisizione non abbiano rispettato le aspettative”.

Che fine farà quindi Motorola? Difficile da dire anche se per il momento l’indicazione è quella che lo storico nome diventerà un semplice marchio Lenovo, mentre i rimanenti dipendenti si occuperanno principalmente di ricerca e sviluppo.


Lenovo today announced a resource action impacting less than two percent of its approximately 55,000 employees globally. The majority of the positions being eliminated are part of the ongoing strategic integration between Lenovo and its Motorola smartphone business as the company further aligns its organization and streamlines its product portfolio to best compete in the global smartphone market.

The company is also making adjustments in other areas of the business as part of a continued effort to manage costs, drive efficiency and support ongoing improvement in overall financial performance. While these actions are never easy, they are a necessary part of our continued efforts to ensure long-term, profitable growth across all of our businesses.

Lenovo is absolutely committed to Chicago and we plan to maintain our Motorola Mobility headquarters there. Chicago has a well-deserved reputation for technical excellence and as the hub of our global R&D for our smartphone business we expect to take advantage of local talent to continue developing Moto products there.

L’articolo Licenziamenti in Motorola: Lenovo taglia posti negli USA sembra essere il primo su AndroidWorld.

UMi Max, la recensione (foto e video)

UMi Max - 6

UMi sta riscuotendo un buon successo online, realizzando prodotti tutto sommato più che onesti, con un hardware interessante, buona qualità costruttiva e sopratutto un prezzo estremamente aggressivo. Dopo Super l’azienda ha voluto lanciarsi sul mercato con una novità che poi così novità non è, essendo definibile con grande semplicità una versione depotenziata di UMi Super.

6.5

Confezione

Nella confezione troviamo un alimentatore 5V/1A e un cavo USB-USB TYpe-C.

7.5

Costruzione ed Ergonomia

UMi Max - 8

Max è un dispositivo grande e un po’ pesante, ma non per questo sgradevole da tenere in mano. La sua finitura in alluminio opaco è infatti molto piacevole e lo rende sicuramente un prodotto ben costruito, anche se non privo di imperfezioni (come nel nostro caso il carrellino della SIM/microSD non perfettamente allineato). Il retro è leggermente spiovente vicino ai bordi ma ci vorranno comunque due mani per utilizzarlo agevolmente.

8.0

Hardware

UMi Max - 3

Come abbiamo detto questo UMi Max è una versione leggermente depotenziata di UMi Super. Abbiamo un processore Mediatek Helio P10 octa core da 1,8 GHz, 3 GB di RAM e 16 GB di memoria interna espandibile tramite microSD (che può essere impostata anche come memoria principale per le app). La connettività è LTE fino a 300 Mbps (c’è la banda 20 a 800 MHz) e abbiamo il supporto alle due SIM. Come in molti altri smartphone di questa categoria si dovrà però rinunciare alla seconda SIM se si vorrà espandere la memoria (e potrebbe accadervi visto che 16 GB possono ormai considerasi un limite sul lungo termine).

Non troviamo l’NFC ma abbiamo invece un parco sensori molto completo che include anche giroscopio e bussola digitale. Sul lato sinistro avrete poi a disposizione un tasto programmabile, per far avviare l’applicazione che più preferite nel momento in cui viene premuto. Lo speaker è posizionato in basso ed ha una qualità più che accettabile e un volume nella media. Sul retro troviamo invece il lettore di impronte digitali, preciso e abbastanza rapido nel rilevamento del tocco.

SCHEDA: UMi Max

6.5

Fotocamera

Screenshot_20160927-094012

La fotocamera principale rimane la stessa 13 megapixel vista su UMi Super: discreti scatti con buona luce (e una velocità di messa a fuoco superiore alla media dei Mediatek) e sufficienti con meno luce. C’è un buon numero di dettagli, anche se i colori appaiono un po’ slavati anche con luce ottimale. Il software non offre molte funzionalità di scatto e nel complesso i risultati sono in media con le aspettative.

SAMPLE: FotoVideo

8.0

Display

UMi Max - 2

Lo schermo rimane lo stesso: 5,5 pollici IPS e risoluzione Full HD (1920 x 1080 pixel) con buoni colori, buona luminosità e una discreta luminosità automatica. Non nel complesso il miglior pannello in circolazione ma la gradevolezza del suo bordo 2.5D e l’alta resistenza all’unto delle dita lo rende comunque decisamente buono nella sua categoria. Se vorrete modificare la tonalità del display potrete comunque ricorrere a Miravision, il software Mediatek presente a tale scopo.

7.0

Software

Screenshot_20160927-093949Screenshot_20160927-093953

Android preinstallato in questo UMi Max è presente alla versione 6.0 Marshmallow leggermente personalizzata da Mediatek con i suoi tool più o meno utili. Si tratta quindi di una versione di Android che potremmo definire “pura”, un po’ scarna per un neofita, pulita e semplice per chi invece sa dove mettere le mani e quali app installare. Peccato per il launcher utilizzato che esclude Google Now e che non permette di levare la barra della ricerca globale di Android stock. È comunque presente (ovviamente?) il Play Store e potrete quindi installare a piacimento altre app che riterrete più consone al vostro utilizzo. Dalle impostazioni potrete poi, se lo preferirete, utilizzare dei tasti a schermo anziché quelli touch posti subito sotto (quelli laterali non sono retroilluminati). Le prestazioni dell’intero sistema sono buone e non si notano particolari lag o rallentamenti.

8.0

Autonomia

La batteria da 4000 mAh si posiziona sicuramente nella fascia più alta degli smartphone in circolazione con risultati che vi permettono sempre di arrivare a fine giornata, anche se forse da una capacità così importante ci saremmo aspettati qualcosa in più. Con un utilizzo più moderato riuscirete comunque ad arrivare a due giorni con una singola carica.

8.5

Prezzo

UMi Max è disponibile online a poco più di 150€, un prezzo decisamente molto interessante considerando l’hardware a disposizione.

Acquisto

UMi Max è disponibile a 154€ su Gearbest. Con il codice UMAXIT abbasserete il prezzo di circa altri 9€.

Trovate maggiori informazioni sul sito ufficiale UMi.

Benchmark

Foto

L’articolo UMi Max, la recensione (foto e video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Netac N530S 120GB: SSD cinese ed economico, la nostra prova!

Nella recensione di oggi andremo a provare un SSD economico che arriva direttamente dalla Cina, il Netac N530S da 120 GB. Il prodotto ci è stato fornito direttamente da Gearbest, presso il quale è facilmente reperibile ad un prezzo di 33,23 euro.

Come funzionerà? Sarà affidabile? Scopriamolo nella recensione completa.

Netac N530S

Confezione e specifiche

La scatola è realizzata in cartone di colore blu e non prevede alcun accessorio o vite, dato che al suo interno troveremo solamente un breve manuale utente in cinese ed il disco SSD.

Netac N530S

Passando alle specifiche tecniche, il Netac N530S è in grado di arrivare a velocità in lettura sequenziali massime di 510 MB/s ed in scrittura di 400 MB/s, due valori non altissimi ma allineati a tanti SSD entry-level dei brand più blasonati. Passando alle IOPS in 4K casuali, in lettura si aggirano sulle 65k, mentre in scrittura 60k.

Le dimensioni sono quelle classiche di un disco da 2.5 pollici, mentre la scocca è realizzata in metallo e misura 100.2 × 69.8 × 7 millimetri. L’interfaccia di collegamento è la classica SATA 3 6 Gb/s.

Netac N530S

Le memorie NAND installate sono di tipo TLC, il consumo massimo si aggira sui 1.5 Watt e l’azienda dichiara 1.000.000 di ore di vita.

Prestazioni

Le prestazioni sono di buon livello, allineate alle dichiarazioni del produttore e paragonabili, come già detto, a tanti altri SSD entry-level più costosi.

I valori in lettura sequenziale sono sempre stati compresi prossimi o poco superiori ai 500 MB/s, così come quelli in scrittura, vicini ai 400 MB/s o poco sotto nella maggior parte dei test eseguiti.

Netac N530S
Netac N530S
Netac N530S

Buoni anche i valori in 4K, non tra quelli raggiunti dai migliori SSD, ma comunque di buon livello.

Andando a stressare l’SSD, sottoponendolo a scritture continue per testare un po’ l’affidabilità delle NAND, non ho avuto alcun problema, nemmeno dopo più di una settimana d’uso, durante la quale sono stati scritti quasi 40 TB di dati, un quantitativo paragonabile all’uso di un paio d’anni o poco più da parte un utente standard.

Conclusione

Per poco più di 30 euro difficilmente si trovano SSD da 120 GB. Le prestazioni sono buone, non eccellenti ma sicuramente interessanti, specie per chi voglia rianimare un vecchio PC spendendo il meno possibile. Difficile chiedere di più per queste cifre. L’incognita, come sempre su questi prodotti, rimane l’affidabilità nel lungo termine.

Il Netac N530S è reperibile ad un prezzo di 33,23 euro sullo store Gearbest.

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Netac N530S 120GB: SSD cinese ed economico, la nostra prova! sembra essere il primo su Gizblog.

Major update di Chrome per Android: risparmio dati per i video, download pagine e suggerimenti

Google Chrome Final 3

Tempo di novità interessanti su Chrome per Android, che Google rilancia come piattaforma principe per fruire del web in mobilità, anche in presenza di connessioni lente. Come? Grazie a tre “nuove” funzioni.

Risparmio dati per i video

Il risparmio dati non è una novità in Chrome per Android: comprimendo immagini e testo è possibile risparmiare fino al 60% di traffico, senza rinunciare ad alcuna porzione di contenuto. La novità è che questa funzione arriva anche sui video, con un risparmio dati che può arrivare fino al 67% nella visione di un filmato in MP4 tramite Chrome.

Non solo ma il Data Saver adesso rileva anche automaticamente un’eventuale connessione lenta, ed in questo caso ottimizzerà i siti HTTP riducendoli all’essenziale, permettendo di risparmiare fino al 90% dei dati, ed ovviamente velocizzare il caricamento anche con le ataviche connessioni 2G. Un esempio di come appariranno queste pagine ottimizzate ve lo dà l’immagine seguente.

Download dei contenuti

Già disponibile in Chrome Beta, e prossimamente anche nella versione stabile, la funzione di download è stata potenziata, permettendovi di salvare pagine web, musica, immagini e video, in modo da poterli consultare anche in assenza di connessione, grazie ad un apposito pulsante presente sul player video di YouTube e nel menu del browser. Tutti i contenuti scaricati sono inoltre raccolti in una apposita sezione, in modo da poterli riprendere con facilità in qualsiasi momento, e se lo scaricamento dovesse interrompersi per assenza di rete, riprenderà automaticamente non appena questa fosse disponibile.

Suggerimenti personalizzati

La pagina nuova scheda conterrà dei suggerimenti personalizzati su contenuti che potrebbero interessarvi, dalle ultime notizie dalla rete, ai download più recenti che avete effettuato; vi basterà scorrere la pagina per trovarli tutti, come illustra l’animazione qui sotto. Google promette inoltre che i suggerimenti saranno “smart”, nel senso che miglioreranno col tempo in base al vostro utilizzo per proporvi sempre qualcosa di interessante da leggere.

Tutto questo è in arrivo su Chrome, ma al momento non abbiamo un apk da lasciarvi scaricare, pertanto non ci resta che rimandarvi al Play Store, nella speranza che non ci voglia molto all’arrivo di tutte le novità elencate.

Google Play Badge

 

suggerimenti chrome

L’articolo Major update di Chrome per Android: risparmio dati per i video, download pagine e suggerimenti sembra essere il primo su AndroidWorld.