Google pubblica Arts & Culture sul Play Store, l’app per gli appassionati d’arte (foto)

arte

A sorpresa Google ha rilasciato una nuova applicazione sul Play Store, chiamata Arts & Culture e destinata ovviamente agli appassionati d’arte, che potranno così avere a portata di app opere e reperti provenienti da più di 850 musei sparsi per il mondo, con tanto di tour panoramici a 360 gradi.

Alcune opere possiedono una risoluzione tale da permettere uno zoom che consenta di apprezzarle nei minimi dettagli. Ognuna possiede poi una più o meno breve descrizione, che consenta di contestualizzare l’opera.

LEGGI ANCHE: Google porta l’arte di strada sui vostri dispositivi

Dopo una breve prova purtroppo abbiamo notato che la lingua non è sempre l’italiano, perché molte parti non sono ancora state tradotte, e l’app non sembra del tutto nativa visto che ogni tanto c’è qualche calo di frame, ma forse si tratta semplicemente di un bug di giovinezza.

Google Play Badge

 

L’articolo Google pubblica Arts & Culture sul Play Store, l’app per gli appassionati d’arte (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

ASUS Router vi permette di gestire il vostro router dallo smartphone

ASUS router

Gestire il router dal proprio smartphone può essere difficile tante volte, perché gli strumenti appositi sono spesso progettati per essere utilizzati da un PC. Per questo motivo ASUS ha deciso di semplificare la vita dei suoi utenti con un’app pubblicata sul Play Store.

I modelli supportati sono:

  • RT-AC5300
  • RT-AC3100
  • RT-AC88U
  • RT-AC3200
  • RT-AC87U/R
  • RT-AC68U/R/P/W
  • RT-AC66U/R
  • RT-AC56U
  • RT-N66U/R

LEGGI ANCHE: Migliorare il segnale Wi-Fi con 5 trucchi

Dovrete accedere con le credenziali di amministratore, dopo di che potrete gestire il traffico, visualizzare i dispositivi connessi, impostare un controllo parentale e tante altre impostazioni classiche dei router.

Google Play Badge

L’articolo ASUS Router vi permette di gestire il vostro router dallo smartphone sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Apple Music e Sonos insieme in beta dal 15 dicembre

Sonos-Speaker

Apple Music e Sonos è un binomio destinato a diventare realtà a partire dal prossimo 15 dicembre, data nella quale potrete riprodurre per la prima volta (sarà però una beta) le vostre canzoni presenti sul servizio di streaming musicale della mela sugli speaker Sonos.

Come viene riportato nel comunicato stampa:

Gli utenti potranno riprodurre in streaming tutte le funzionalità preferite di Apple Music (come le sezioni Per te, Novità, Radio e Musica) tramite gli smart speaker Sonos ottimizzati per offrirti un suono fenomenale in una o tutte le stanze di casa.

LEGGI ANCHE: Quanto costa in Italia il nuovo Sonos PLAY:5

La beta sarà aperta a tutti con l’app Sonos su iPhone, iPad, iPod touch, Mac, PC e Android, mentre successivamente (difficile dire quando) la funzionalità sarà aperta a tutti. A seguire trovate il comunicato stampa ufficiale.

APPLE E SONOS RIEMPIONO DI MUSICA OGNI STANZA CON APPLE MUSIC

A partire dal 15 dicembre, tutti gli appassionati di musica sono invitati a partecipare alla tanto attesa fase beta di Apple Music su Sonos

Metà di tutta la musica che si ascolta viene riprodotta in casa, è giunto quindi il momento di ascoltarla con il massimo volume. Per raggiungere questo obiettivo, Sonos e Apple annunciano oggi la disponibilità in versione beta di Apple Music su Sonos dal 15 dicembre. Gli utenti potranno riprodurre in streaming tutte le funzionalità preferite di Apple Music (come le sezioni Per te, Novità, Radio e Musica) tramite gli smart speaker Sonos ottimizzati per offrirti un suono fenomenale in una o tutte le stanze di casa.

“Lo streaming sta portando più musica nella vita di tutti – ed è una vita migliore. L’introduzione di Apple Music rappresenta una svolta cruciale per lo streaming e la sua adozione da parte del grande pubblico”, afferma John MacFarlane, co-fondatore e Chief Executive Officer di Sonos. “Ora che possiamo accedere in maniera virtuale a tutta la musica sulla terra, il modo in cui gli appassionati di musica la ascoltano è ancora più importante. Siamo onorati di fornire Apple Music agli utenti Sonos di tutto il mondo.”

Apple Music è tutta la musica che si ama in un unico posto, arricchita da playlist create appositamente da esperti di musica a livello globale per ogni momento. Ogni singolo elemento di Apple Music è gestito e analizzato minuziosamente, dalle stazioni radio create ad hoc e Beats 1, ai suggerimenti nella sezione Per te, fino agli album e alle canzoni del momento in Novità. Per Sonos, tutto ruota attorno alla volontà di offrire la musica in un’esperienza di ascolto a casa capace di rispecchiare il più possibile il modo in cui le tracce sono state registrate in studio.

“Molti dei nostri utenti amano Sonos e vogliono fruire del nostro servizio in tutta la casa”, afferma Eddy Cue, Senior Vice President of Internet Software and Services di Apple. “Siamo entusiasti di collaborare con Sonos per fornire l’esperienza di Apple Music in un numero maggiore di luoghi dove i fan possono ascoltare la musica.”

Apple Music e Sonos sono alla ricerca di appassionati di musica per aiutare le due aziende a ridefinire come inondare le case con Apple Music su Sonos. La versione beta, disponibile dal 15 dicembre, consentirà di controllare le funzionalità più popolari di Apple Music utilizzando l’app Sonos su iPhone, iPad, iPod touch, Mac, PC e Android, in una o più stanze di casa. Apple Music sarà disponibile per tutti gli utenti all’inizio del 2016.

L’articolo Apple Music e Sonos insieme in beta dal 15 dicembre sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Bluboo U Watch, lo smartwatch da 30$, è già in pre-ordine

Bluboo-U-Watch

Come può essere uno smartwatch da soli 30 dollari? Bluboo U Watch è la risposta alla domanda, con un design sicuramente meno interessante di XWatch, ma in fondo per il prezzo che vale non ci lamenteremo troppo.

Il sistema operativo non ha Android Wear, come si era ipotizzato in precedenza, ma uno proprietario di Bluboo, il che potrebbe togliere molto fascino al prodotto. D’altra parte le caratteristiche tecniche sono la diretta conseguenza del prezzo, con 24 megabyte di RAM e 32 MB di ROM.

LEGGI ANCHE: Elephone ELE è lo smartwatch perfetto

Bluboo U Watch, con il suo schermo da 1,44″ (128 x 128), batteria da 350 mAh, SoC MTK 2501, pedometro, misurazione del sonno, notifiche e compatibilità con iOS e Android è in pre-ordine su Gearbest a partire da 29,99$, pari a poco più di 28€.

Ringraziamo Riccardo per la segnalazione

L’articolo Bluboo U Watch, lo smartwatch da 30$, è già in pre-ordine sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Vivo X6 e Vivo X6 Plus annunciati ufficialmente

L’attesa è finita, finalmente oggi sono stati annunciati ufficialmente Vivo X6 e Vivo X6 Plus durante l’evento Water Cube a Pechino.(…)
Continua a leggere Vivo X6 e Vivo X6 Plus annunciati ufficialmente su Androidiani.Com


© chiaraledda for Androidiani.com, 2015. |
Permalink |

Vedi il miglior smartphone android di novembre 2015

Tags del post: , ,

ZTE Nubia Z11 uscirà in contemporanea in Cina e negli USA, e l’Europa?

Arrivano nuove informazioni circa il lancio dell’interessantissimo Nubia Z11 da parte di ZTE, il quale potrebbe coinvolgere ufficialmente altri paesi oltre alla Cina.

(…)
Continua a leggere ZTE Nubia Z11 uscirà in contemporanea in Cina e negli USA, e l’Europa? su Androidiani.Com


© fabioterreri for Androidiani.com, 2015. |
Permalink |

Tags del post: ,

Adobe Premiere Clip rende semplice creare i video delle vacanze (foto e video)

Adobe Premiere Clip

Adobe porta finalmente la famosa piattaforma di video editing Premiere su Android, anche se la versione rilasciata, denominata “Clip“, è più indirizzata ad un pubblico consumer che non ad uno professionale.

Adobe Premiere Clip 1.0 (che corrisponde alla versione 2.0 attualmente disponibile per iOS, che gode già dell’app Adobe da circa un anno) cerca di eliminare le interfacce complicate della versione desktop, permettendo di creare video a partire da foto o registrazioni presenti sul dispositivo.

L’utente potrà aggiungere al progetto una colonna sonora, personalizzata o proveniente da un database di registrazioni gratuite, e applicare alcuni filtri alla traccia video. Una volta terminato il progetto, oltre ad esportarlo come video, sarà possibile importarlo in Adobe Premiere su desktop, in modo da effettuare eventuali modifiche più evolute.

LEGGI ANCHE: 5 app per… montare i video

Potrete scaricare Adobe Premiere Clip gratuitamente dal Play Store, cliccando sul badge sottostante. A seguire, un video dimostrativo della versione iOS, abbastanza fedele anche alla versione Android, ed una galleria che descrive le principali funzioni dell’app.

Google Play Badge

L’articolo Adobe Premiere Clip rende semplice creare i video delle vacanze (foto e video) sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

X6 e X6 Plus ufficiali: ecco tutte le caratteristiche dei nuovi top di gamma Vivo (foto)

Vivo X6 - 9

Nelle ultime settimane abbiamo parlato tanto di Vivo X6 e delle sue caratteristiche tecniche da vero top di gamma: oggi la società cinese ha tolto il velo per mostrarci il risultato delle sue fatiche, e siamo rimasti sorpresi nello scoprire che sotto non c’era un solo smartphone, ma ben due!

I due modelli si differenziano per dimensioni e capacità della batteria: Vivo X6 avrà uno schermo da 5,2″ AMOLED con risoluzione di 1.080 x 1.920 pixel, ed una batteria da 2.400 mAh (che renderà il dispositivo spesso solo 6,56 mm); Vivo X6 Plus, invece, avrà uno schermo da 5,7″ AMOLED, con la stessa risoluzione del fratellino, ed una batteria configurabile da 3.000 o 4.000 mAh (lo spessore è noto solo per il primo tipo di batteria, ovvero 6,85 mm). Nessuna informazione è stata rilasciata riguardo alla presenza del 3D Touch. Queste le caratteristiche tecniche condivise dai dispositivi:

  • SoC: octa-core a 64-bit, 1,7 GHz
  • RAM: 4 GB
  • Memoria interna: 32 GB (X6) o 64 GB (X6 Plus), espandibili tramite microSD
  • Fotocamera frontale: 8 megapixel
  • Fotocamera posteriore: 13 megapixel con flash LED e Phase Detection Autofocus
  • Sistema operativo: Android 5.1 Lollipop con Funtouch OS
  • Altro: lettore di impronte digitali
  • Colori: Oro, Argento, Oro Rosa

Vivo X6 Plus strizza l’occhio agli audiofili, grazie ad una serie di componenti dedicati: chip audio DAC (Digital to Analog Converter) ES9028, amplificatore ES9603, e chip per il sorround Yamaha YSS-205X; il chip audio DAC di X6, invece, sarà un Asahi Kaisei AK4375A.

LEGGI ANCHE: Migliori smartphone budget medio per il Natale 2015

Prezzo e disponibilità – La versione dual SIM di Vivo X6 sarà disponibile a partire dal 6 dicembre per 390$ (circa 370€), mentre il modello base di X6 Plus costerà 469$ (circa 444€): per 31$ in più (quasi 30 euro) potrete avere il modello con batteria da 4.000 mAh; se vi sembrano troppi per essere ricaricati in tempi brevi, sappiate che i nuovi Vivo X6 avranno anche un sistema per la ricarica rapida. Qualche interessato?

L’articolo X6 e X6 Plus ufficiali: ecco tutte le caratteristiche dei nuovi top di gamma Vivo (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

UniEuro si prepara al Natale con il nuovo Sottocosto

Sottocsto-Unieuro-4-13-dicembre

L’ultimo mese dell’anno, dicembre, inizia domani e UniEuro si fa trovare pronto con un nuovo Sottocosto, valido dal 4 dicembre fino al 13, un’ottima occasione se non siete quel tipo di persona che compra tutti i regali natalizi all’ultimo minuto.

Ecco le principali offerte:

  • Samsung Smart TV 4K UE55JU6500 1.399€ 999€
  • Lenovo G50-80 499€ 299€
  • Sony Android TV KDL65W859C full HD 1.999€ 1.699€
  • Canon EOS 700D 599€ 399€
  • ASUS ZenPad Z300CL 279,99€ 195,99€
  • iPad Air 2 64 GB Wi-Fi + LTE 719€ 589€
  • Motorola Moto G (2014) LTE 199€ 149€
  • Microsoft Lumia 640 LTE 189€ 129€

LEGGI ANCHE: Il Cyber Monday UniEuro è come il Black Friday

Ovviamente queste sono solo alcune delle offerte presenti nel volantino, che vi invitiamo a consultare a questo indirizzo in modo da poter scoprire anche altre promozioni che non abbiamo riportato.

L’articolo UniEuro si prepara al Natale con il nuovo Sottocosto sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

WhatsApp blocca i link di Telegram: é l’inizio di una guerra?

WhatsApp e Telegram sono due delle principali applicazioni di instant messagging presenti sulla piattaforma Android, e più in generale, nel mondo smartphone. Prima d’ora però, le due app non erano mai entrate in contatto diretto fra di loro, lasciando spazio al libero arbitrio degli utenti la scelta di una o dell’altra piattaforma.
(…)
Continua a leggere WhatsApp blocca i link di Telegram: é l’inizio di una guerra? su Androidiani.Com


© francescolisi for Androidiani.com, 2015. |
Permalink |

Tags del post: ,

Apple investe “poco” nel campo della ricerca

Uno studio condotto recentemente da Bloomberg che prendeva come campione diverse aziende della Silicon Valley, afferma che Apple non è tra le società che investono maggiormente nel campo della ricerca e dello sviluppo. Stando a quanto riportato, l’azienda di Cupertino investe solo il 3.5% del proprio fatturato in attività di R&S (circa 8.1 miliardi di

L’articolo Apple investe “poco” nel campo della ricerca sembra essere il primo su Gizblog.

Non è difficile scoprire con chi parlano i vostri contatti di Telegram con questo trucco

telegram hack

Telegram si è imposto come principale alternativa a WhatsApp puntando su apertura nei confronti degli sviluppatori di terze parti, personalizzazione e privacy, ma quest’ultimo elemento potrebbe mancare secondo una ricerca di Ola Flisbäck, che ha voluto dimostrare come sia facile stalkerare qualcuno su Telegram.

L’app di Telegram per Android ad esempio invia una notifica a tutti i contatti quando la apriamo o la chiudiamo, in modo che sappiano se siamo online o meno. Se poi due persone nella vostra rubrica stanno parlando, sarà piuttosto facile scoprirlo intrecciando i dati di quelle notifiche.

LEGGI ANCHE: WhatsApp rende non cliccabili i link di Telegram

La risposta di Telegram è di modificare le impostazioni sulla privacy, in modo che i vostri contatti non possano vedervi online o offline, ma di fatto rimane una soluzione a cui le persone ignare di questa possibilità non penseranno.

L’articolo Non è difficile scoprire con chi parlano i vostri contatti di Telegram con questo trucco sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Realizzata una spugna miracolosa capace di assorbire il petrolio!

Un gruppo di ricercatori alla Deakin University, in Australia, afferma di aver creato un nuovo materiale capace di assorbire in un lampo enormi quantità di petrolio. Guidati dal professore Ying Chen, il giovane team di scienziati avrebbe infatti ideato una sostanza innovativa, composta principalmente da polvere di nitruro di boro, capace di separare il petrolio

L’articolo Realizzata una spugna miracolosa capace di assorbire il petrolio! sembra essere il primo su Gizblog.

Le canzoni di Adele migliorano le vendite dei fazzoletti Tempo?

Una tendenza decisamente singolare ha invaso la home page italiana di Facebook; la pagina-evento creata in occasione del concerto di Adele previsto per i prossimi 28 e 29 maggio, è stata letteralmente inondata da foto e frasi ironiche che parodiano la “tristezza” sprigionata dalle sue canzoni. Canzoni che, più o meno “tristi”, sono comunque da

L’articolo Le canzoni di Adele migliorano le vendite dei fazzoletti Tempo? sembra essere il primo su Gizblog.

Italia Chiama Android: InTouch 2015, Power Manager, 60 seconds quiz italiano

italiachiamaandroid_2015

Torna, come ogni lunedì, l’appuntamento settimanale con le applicazioni dei nostri lettori. Ogni appuntamento selezioniamo tre nuove applicazioni fra tutte quelle che ci proponete durante le settimane utilizzando questo metodo di contatto (fatelo anche voi se non avete ancora proposto la vostra applicazione).

InTouch 2015

Questa semplice app vi permetterà di tenere traccia della posizione dei vostri amici presenti all’interno di una stessa sessione. La sessione sarà riconoscibile semplicemente dal nome e a quel punto potrete condividere il link con gli amici. In questo modo saprete sempre dove essi siano. Pensate ad una vacanza di gruppo o più semplicemente ad una cena, in modo da sapere sempre dov’è il ritardatario di turno.

  • Prezzo: Gratis
  • Pro: Semplice da utilizzare
  • Contro: Non c’è un sistema di login o uno storico

Google Play Badge

Power Manager

Una semplice app per riavviare. Questa necessità è sicuramente sentita quasi solo dai più smanettoni che sanno quanto sia noioso ogni volta dover premere le corrette combinazioni di tasti per passare in recovery o in bootloader. Questo piccolo tool vi permetterà, sempre che abbiate i permessi di root, di riavviare con un semplice tap (dopo conferma) in qualsiasi modalità il vostro telefono supporti.

  • Prezzo: Gratis
  • Pro: Grafica semplice e chiara
  • Contro: Nessuno da segnalare (se non il requisito obbligatorio dei permessi di root)

Google Play Badge

60 seconds quiz italiano

Il nome spiega già chiaramente qual è lo scopo di questo gioco: rispondere al maggior numero di domande in 60 secondi. Il gioco vi proporrà domande a raffica fino allo scadere dei 60 secondi. In questo lasso di tempo dovrete rispondere a più domande possibili. Non vi verrà però dato un feedback rapido se la risposta fornita è corretta o meno. Al termine di ogni sfida riceverete poi un punteggio e finirete automaticamente nelle classifiche online.

  • Prezzo: Gratis
  • Pro: Alcune domande sono particolarmente difficili
  • Contro: La grafica non è molto curata

Google Play Badge

 

L’articolo Italia Chiama Android: InTouch 2015, Power Manager, 60 seconds quiz italiano sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Cyber Monday: le migliori offerte di Tinydeal

Dopo Gearbest, arriva il turno di TinyDeal, noto shop online ricco di ottime offerte dagli smartphone ai tablet fino agli accessori in occasione del Cyber Monday, giornata di sconti sui prodotti di elettronica di ogni tipologia che segue il tradizionale weekend del Black Friday. Uno dei prodotti più interessanti in offerta é lo Xiaomi Redmi

L’articolo Cyber Monday: le migliori offerte di Tinydeal sembra essere il primo su Gizblog.

Fotosintesi artificiale, la fonte energetica del futuro

Già in passato sono state portate avanti molte ricerche per cercare di rendere la fotosintesi artificiale una realtà. Le soluzioni trovate si sono però sempre rivelate troppo costose, decisamente ingombranti e soprattutto incapaci di generare quantità di energia soddisfacenti. Pare però che un gruppo di ricercatori alla Florida State University sia riuscito nell’impresa, dando vita

L’articolo Fotosintesi artificiale, la fonte energetica del futuro sembra essere il primo su Gizblog.

Pepsi P1 è un flop: crowdfunding al 50% a pochi giorni dal termine della campagna

Negli scorsi giorni abbiamo parlato del lancio ufficiale del primo smartphone targato Pepsi: Pepsi P1 aveva cercato fortuna su un portale di crowdfunding cinese, ma il pubblico ha sonoramente bocciato l’iniziativa.

(…)
Continua a leggere Pepsi P1 è un flop: crowdfunding al 50% a pochi giorni dal termine della campagna su Androidiani.Com


© Luca Tubiello for Androidiani.com, 2015. |
Permalink |

Tags del post: , ,

OnePlus Icons, la nostra prova dei nuovi auricolari di OnePlus (foto)

OnePlus-Icons-12

OnePlus Icons sono i nuovi auricolari presentati da poco dall’azienda cinese ed in commercio solo da alcuni giorni. Abbiamo avuto modo di provarli in anteprima, e vi riportiamo quindi le nostre impressioni su questi nuovi accessori, ideali nell’utilizzo con smartphone, di qualsiasi marca e OS.

Confezione

OnePlus Icons -4

Confezione abbastanza elegante, in tema rosso e nero come da tradizione OnePlus. All’interno troviamo gli auricolari con due gommini già montati, più un altro paio di coppie di gommini, in modo da coprire tutte le taglie (S, M, L). Abbiamo anche una piccola custodia in pelle ad aggancio magnetico, giusto per riporli in un posto sicuro e non lasciare che si annodino a qualcosa in borsa.

Costruzione e comodità

La coppia di auricolari luccica, grazie alla struttura in metallo con cui sono realizzati. Comodi da indossare, lievemente incurvati in avanti, si adattano piuttosto bene e facilmente al padiglione auricolare, e sebbene non abbiano la presa solida di certi auricolari sportivi (non c’è nessun meccanismo particolare a tenerli in posizione) sembrano comunque piuttosto ben ancorati. Sono comodi da indossare anche per lunghe sessioni, ed essendo piuttosto leggeri (15 grammi) non appesantiscono l’orecchio.

LEGGI LA RECENSIONE: RHA T10 (foto e video)

Il filo che li sostiene è realizzato in tessuto, che dona un tocco di eleganza in più e che è piacevole al tatto. Un po’ meno curati sono forse i controlli multimediali (play, pausa, skip), con sia duri che fortemente plasticosi al tatto, che restituiscono un feeling inferiore rispetto al resto degli auricolari. Non è possibile regolare in lunghezza la parte “biforcuta” del cavo, come succede invece con altri modelli.

Qualità

OnePlus riporta un’impedenza di 32 Ohm ed una risposta in frequenza di 20 – 20K Hz; ad orecchio diremmo che ci fermiamo a 17.000, prediligendo nel complesso un po’ più i toni bassi degli alti. Questo causa a volte un po’ di effetto rimbombo, ma nel complesso le varie tonalità restano comunque abbastanza distinte, senza andare a sovrapporsi e disturbarsi le une con le altre, e si può apprezzare un po’ di tutto: dai tamburi ai riff di chitarra.

LEGGI ANCHE: MEE Audio M7P: auricolari per il fitness

Il risultato è un suono che sarà più apprezzato dagli amanti di musica elettronica o metal, ma che non lascia troppo a piedi gli altri generi, e che anche a volumi piuttosto elevati non presenta distorsioni. Nel complesso non è l’audio più pulito e fedele che abbiamo mai sentito, ma considerando l’utilizzo tipico con smartphone ed in mobilità, si rivela adatto un po’ a tutto, tanto che giusto gli amanti della musica classica potrebbero storcere di più il naso, ma forse non è proprio questo il tipo di prodotto che avremmo associato ad un ascolto classico.

OnePlus Icons -9

Nulla di particolare da segnalare in chiamata: l’audio si sente bene e viene anche sentito bene dall’interlocutore, ed i controlli funzionano a dovere. In condizioni normali inoltre, al di là del controllo sulla riproduzione di musica, sono in grado di avviare l’assistente vocale di turno (Google Now o Siri). Bene poi il fatto di poter regolare il volume direttamente dagli auricolari, che rende più liberi dal telefono riposto in tasca, sia ascoltando la musica che nel caso ricevessimo una telefonata.

Prezzo

OnePlus Icons sono disponibili a 44,99€ sullo store ufficiale. Un prezzo congruo alla qualità degli auricolari e degli accessori in dotazione.

L’articolo OnePlus Icons, la nostra prova dei nuovi auricolari di OnePlus (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

L’auto di Google è quasi un taxi – 2 minuti con SmartWorld

google-car-autorizzazione

La selezione delle notizie di oggi dai nostri siti contiene due notizie vere e proprie e una provocazione, che nasce da una recensione pubblicata in giornata su AndroidWorld. In quanti comprano ancora medio gamma?

L’articolo L’auto di Google è quasi un taxi – 2 minuti con SmartWorld sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Asus ZenFone Selfie in edizione limitata con 128 GB di memoria interna

Asus ha presentato una nuova variante del suo ZenFone Selfie: si tratta dell’edizione limitata Deluxe, che il produttore ha già previsto per ZenFone 2, che oltre alla particolare back cover dona al device anche un generoso quantitativo di memoria interna.

(…)
Continua a leggere Asus ZenFone Selfie in edizione limitata con 128 GB di memoria interna su Androidiani.Com


© Luca Tubiello for Androidiani.com, 2015. |
Permalink |

Tags del post:

Zoyo promette la sicurezza dei neonati monitorandone ogni aspetto (video)

zoyo-baby-gadget-bambini

Zoyo è il nome di una serie di gadget smart che promettono, con non poca ambizione, di rendere la crescita di un bambino, almeno nei primi mesi, un po’ più facile e serena sopratutto per i genitori. Sbarcato su Kickstarter il progetto è nato dall’idea di una startup slovena.

Zoyo Baby consta di tre piccoli sensori dalla forma di nuvoletta: Diaper Buddy, Dream Catcher, Ambiental. Il primo è pensato per essere posizionato sul pannolino dell’infante ed è in grado di monitorare diversi parametri come respiro, temperatura, suoni oltre che notificare con “l’allarme pannolino” in caso di… beh avete capito.

Dream Catcher è invece da posizionare nella culla o nel lettino; questo monitora suoni, movimenti, temperatura ed umidità dell’aria. L’ultimo componente della gamma Zoyo Baby misura invece temperatura, umidità e livello di rumore nella stanza del bambino.

LEGGI ANCHE: Vortex, il giocattolo che insegnerà la robotica ai bambini

I dati possono poi essere consultati dalla relativa app per Android (4.3 o superiore) ed iOS (7.1 o superiore) che li raccolgono tramite protocollo Bluetooth 4.0. Forse proprio quest’ultimo aspetto, unito ad un discreto grado di “intrusione” su una sfera così personale, è quello che sta un po’ frenando il successo di questo progetto.

zoyo gadget bambini

Su Kickstarter Zoyo ha infatti raccolto circa 4.000$ a fronte dei 50.000$ richiesti. Mancano ancora una trentina di giorni alla fine della campagna su Kickstarter dove un kit base viene offerto ai genitori più hi tech a partire da 80$.

L’articolo Zoyo promette la sicurezza dei neonati monitorandone ogni aspetto (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

News e feed RSS in Material Design, con l’app spaRSS (foto)

spaRSS head

Coloro che utilizzano il proprio smartphone o tablet come fonte di notize, per tenersi giorno dopo giorno aggiornati sui più importanti fatti di cronaca o per consultare i propri siti preferiti, sicuramente sapranno che il Play Store non manca certo di proposte valide e variegate: fra le opzioni da valutare se cercate un lettore di feed RSS leggero, dal look Material Design e completamente free, però, non può mancare spaRSS.

Un modo rapido per creare la propria libreria

Prima di provare spaRSS è però importante considerare un particolare: l’app non si sincronizza con nessun servizio online esistente, per cui se già siete utenti di Feedly, o di un altro servizio sul quale avete già provveduto a creare ed organizzare la vostra lista di feed, probabilmente questa non è la soluzione che fa per voi.

LEGGI ANCHE: Tapatalk non è più solo forum: ora ha anche un lettore RSS per i blog

Se state costruendo la vostra libreria di notizie per la prima volta, però, spaRSS saprà aiutarvi in modo davvero semplice ed efficace: utilizzando il servizio di Google News, infatti, potrete configurare l’app per seguire i vostri argomenti preferiti (mondo, tecnologia, sport o altri) veramente con pochi tocchi.

Alle fonti suggerite da Google potrete naturalmente aggiungere i vostri siti preferiti utilizzando una comoda funzione di ricerca, e raggrupparli creando dei gruppi tematici personalizzati.

L’interfaccia di lettura di spaRSS, infine, è decisamente completa e comoda ad ogni occasione: oltre a disporre di una modalità notturna caratterizzata da colori scuri, infatti, essa vi offrirà la possibilità di utilizzare la visualizzazione a schermo intero, e comode scorciatoie per condividere gli articoli, visualizzarli all’interno di un browser, o copiarne il link.

Download gratuito

spaRSS è un’applicazione completamente open source, ed è distribuita gratuitamente attraverso il Play Store. Per avere un lettore chiaro e leggero, e tuttavia completo di widget e funzionalità utili per la lettura, potete quindi scaricarlo utilizzando il badge per il download gratuito che trovate a seguier.

Google Play Badge

L’articolo News e feed RSS in Material Design, con l’app spaRSS (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Antiterrorismo: attiva in Europa la sorveglianza elettronica globale

A seguito degli attacchi terroristici che l’hanno variamente colpita l’Europa attiva la sorveglianza elettronica globale; dal primo gennaio 2016 sarà infatti inaugurato il Centro Europeo Antiterrorismo che, come si legge in un documento ufficiale, è “una piattaforma volta a consentire agli Stati membri di rafforzare la condivisione delle informazioni e la cooperazione operativa riguardo all’attività

L’articolo Antiterrorismo: attiva in Europa la sorveglianza elettronica globale sembra essere il primo su Gizblog.

Hacker russi sottraggono quasi 800 milioni di dollari

Kaspersky Lab, famosa azienda russa specializzata nella produzione di software progettati per la sicurezza informatica, avrebbe individuato una pericolosa banda di hacker che, solamente nel giro di qualche anno, avrebbe racimolato la considerevole cifra di ben 790 milioni di dollari. Questi soggetti costituiscono una vera e propria impresa criminale, dotata al vertice di un dirigente e

L’articolo Hacker russi sottraggono quasi 800 milioni di dollari sembra essere il primo su Gizblog.

Samsung vuole trasformare il vostro smartphone in un cilindro (lo dice questo brevetto!)

6a0168e68320b0970c01bb08963a1f970d-800wi

Uno smartphone piccolino che sta comodamente in tasca o un bel phablet con cui navigare in santa pace grazie allo schermo generoso? Questa ostica scelta divide ancora gli utenti, ma Samsung vuole porvi fine con un piccolo cilindro.

Non è la prima volta che leggiamo il nome del colosso coreano legato ai display pieghevoli, ma il brevetto di cui vi parliamo oggi sembra la prima, vera applicazione pratica di questa tecnologia. Il documento prevede smartphone si presentano come cilindri, dai quali è possibile estrarre il display flessibile, che normalmente viene conservato raccolto all’interno.

LEGGI ANCHE: Cos’è Samsung Project Valley?

Il brevetto illustra anche la possibilità che la parte finale dello schermo, chiamata Tab, possa essere estratta cliccando una specifica notifica che mostra direttamente l’app correlata.

Questa non è l’unica possibile soluzione proposta dal brevetto (c’è anche una variante con smartphone ripiegabile in due) ma, in ogni caso, probabilmente ci vorrà ancora del tempo prima di veder concretizzare un progetto tanto futuristico. Oppure no?

L’articolo Samsung vuole trasformare il vostro smartphone in un cilindro (lo dice questo brevetto!) sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Un brevetto svela tutto sulla seconda generazione delle self-driving car di Google

self-driving-car-prototipo

A svelare la seconda generazione dei sofisticatissimi veicoli a guida autonoma di Google è un brevetto decisamente dettagliato. Nel documento ci sono tutti i dettagli di quello che i veicoli dalla forma ad ovetto celano al loro interno .

I passeggeri potranno godersi il viaggio sui sedili posteriori, mentre l’abitacolo non presenta volante, pedali o altri tipo di comandi se non tre pulsanti; uno per la partenza, uno per anticipare la fermata ed infine un pulsante d’emergenza che permette l’arresto immediato del veicolo, compatibilmente con il fattore sicurezza.

LEGGI ANCHE: Un teardown immaginario delle self driving car di Google ed Apple

Il “passaggio” potrà essere richiesto alla Uber, tramite la relativa app (anche da web). Basterà specificare la propria posizione e quella di destinazione; l’auto, una volta giunta al punto di prelievo comunicherà tramite Wi-Fi o Bluetooth con il telefono del richiedente per confermare il tutto ed aprire le portiere. In mancanza di connettività sarà possibile ricorrere allo sblocco via chiamata telefonica oppure, come ultima risorsa, con l’intervento manuale di un addetto.

seconda generazione self-driving google

Come già era facile intuire dalle indiscrezioni e dai dettagli rilasciati di Google stessa i piccoli automi non sono dei semplici tassisti ma dei mezzi all’avanguardia che promettono confort, efficenza e soprattutto sicurezza. Nell’attesa che le self-driving car inizino a popolare le strade di tutto il mondo, potete già “rovinarvi la sorpresa” con i dettagli sulle pagine di Patently Mobile, che ha portato alla luce il brevetto in questione.

L’articolo Un brevetto svela tutto sulla seconda generazione delle self-driving car di Google sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Cyber Monday: una selezione di offerte da GearBest

Durante la mattinata vi abbiamo proposto alcune offerte del Cyber Monday, giornata ricca di promozionali sull’elettronica in generale. In questo articolo vi proponiamo una breve selezione di offerte proposte dal noto venditore online GearBest.com. Tra i prodotti sicuramente più interessanti proposti sul sito quest’oggi troviamo sicuramente lo Xiaomi Mi 4c da 32 GB disponibile all’acquisto

L’articolo Cyber Monday: una selezione di offerte da GearBest sembra essere il primo su Gizblog.

LG V10 si appresta ad arrivare in Europa: da fine Dicembre in Germania a 649€

Tramite un post sul blog ufficiale LG ha annunciato l’arrivo in Germania del tanto chiacchierato V10. Questo nuovo smartphone Android quindi si prepara a debuttare in Europa e lo farà a partire da fine Dicembre ad un prezzo di 649€.

(…)
Continua a leggere LG V10 si appresta ad arrivare in Europa: da fine Dicembre in Germania a 649€ su Androidiani.Com


© mptm3c for Androidiani.com, 2015. |
Permalink |

Qui trovi la classifica del miglior smartphone android

Tags del post:

Collegate il vostro G4 a LG Bridge e aggiornate a Marshmallow! (foto)

LG-G4_Android-6.0-Marshmallow

Proprio ieri abbiamo annunciato che in Europa stava iniziando ad arrivare il firmware Marshmallow per LG G4 e adesso l’aggiornamento è giunto anche per noi italiani!

Possessori di LG G4 armatevi quindi di cavo USB, LG Bridge e un po’ di pazienza ed aggiornate il vostro dispositivo alla versione H81520A, basata su Android 6.0 Marshmallow.

LEGGI ANCHE: Migliori smartphone top di gamma per il Natale 2015

Specifichiamo che l’update non sembra essere disponibile via OTA, ma può essere installato tramite l’apposito tool di LG: il firmware pesa 1,55 GB e, come potete vedere dagli screenshot in basso, è già disponibile per i modelli italiani tramite LG Bridge.

L’articolo Collegate il vostro G4 a LG Bridge e aggiornate a Marshmallow! (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

WhatsApp dà il meglio di sé, rendendo non cliccabili i link a Telegram

iStock_000022789048_Medium

WhatsApp si è recentemente arricchito della preview dei link su Android, ma a quanto pare non tutti i collegamenti sono uguali. Se invierete infatti dei link Telegram via WhatsApp, questi verranno censurati.

Il link sarà infatti visibile, ma non cliccabile, laddove invece qualsiasi altro collegamento a contenuti web sarà dotato di corretta anteprima, e ovviamente cliccabile.

Difficile trovare una giustificazione per questo comportamento, se non in un intento di WhatsApp di non dare il benché minimo spiraglio al rivale, che comunque viaggia ancora su un diverso ordine di grandezza di utenti. A quanto pare non si è mai abbastanza al comando per WhatsApp (/Facebook). Provare per credere.

L’articolo WhatsApp dà il meglio di sé, rendendo non cliccabili i link a Telegram sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Snapdragon 820: un benchmark in single core si avvicina a quelli di Apple A9

Qualcomm-Snapdragon-820

Il nuovo SoC Snapdragon 820 non è ancora disponibile su alcuno smartphone in commercio, ma sembra sempre più probabile che uno dei tanti dispositivi a montarlo sarà lo Xiaomi Mi5.

Proprio con questo modello, qualche tempo fa erano stati eseguiti dei benchmark in single core su Geekbench e il risultato ottenuto dal chip di Qualcomm era stato 2.162. Come probabilmente saprete, la regina indiscussa di questo tipo di benchmark è Apple, con il suo A9 che viaggia sui 2.500 in single thread.

LEGGI ANCHE: Qualcomm: gli octa-core sono solo marketing

Tuttavia, un noto leaker ha fatto sapere sul social network cinese Weibo che lo Snapdragon 820 è riuscito ad arrivare a 2.300, punteggio molto più vicino a quello della mela, i cui chip sono sempre rimasti ineguagliati nei benchmark in single core. Il dispositivo messo sotto stress era (probabilmente) sempre Xiaomi Mi5, sul quale però sappiamo ancora ben poco (eccetto che “varrà l’attesa“).

L’articolo Snapdragon 820: un benchmark in single core si avvicina a quelli di Apple A9 sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Migliori phablet per il Natale 2015

Tecnologia-natale-031

Come sicuramente saprete ogni anno curiamo una rubrica dedicata ai nostri consigli degli acquisti nel mondo della telefonia e della tecnologia. Quest’anno ci allarghiamo includendo anche alcuni esemplari di modelli non Android e vi proponiamo una selezione di prodotti consigliati, andando a segnalare i migliori phablet per il Natale 2015. Parliamo quindi ovviamente degli smartphone di grandi dimensioni con schermo grandi almeno 5,5 pollici.

I commenti rimangono aperti per i vostri suggerimenti e per confrontarvi su quale potrebbe essere un buon regalo di Natale (per gli altri o per se stessi).

8.1

Acer Liquid Z630

  • Prezzo di lancio: 229€
  • Indicazione prezzo online: 179€ (Amazon)
  • Per chi è consigliato: Lo smartphone di Acer è il più economico di tutta la selezione e già solo per questo è un buon acquisto. Da scegliere per chi vuole un giusto compromesso ad un ottimo prezzo.

recensione_1-button

8.8

Apple iPhone 6s Plus

  • Prezzo di lancio: 889€
  • Indicazione prezzo online: 879€ (ePRICE)
  • Per chi è consigliato: Chi vuole un iPhone sa di volere un iPhone e sa anche perché lo vuole. Se cercavate la nostra approvazione sappiate che se siete abituati ad utilizzare l’ecosistema Apple questo 6s Plus vi stregherà.

 

recensione_1-button

8.6

ASUS Zenfone 2 Laser

  • Prezzo di lancio: 249€
  • Indicazione prezzo online: 219€ (ePRICE)
  • Per chi è consigliato: ASUS ha realizzato un nuovo Zenfone 2 che va a migliorare i punti più deboli della prima (già ottima) generazione. Per chi vuole tutto senza spendere troppo.

recensione_1-button

8.0

Huawei Mate S

  • Prezzo di lancio: 649€
  • Indicazione prezzo online: 506€ (Amazon)
  • Per chi è consigliato: Quest’anno Huawei ha alzato l’asticella (e anche il prezzo) per la sua fascia alta. Huawei Mate S si è ridimensionato e adesso ha dimensioni più “umane”. Bello, ben costruito, anche se un po’ caro.

recensione_1-button

8.7

Huawei Nexus 6P

  • Prezzo di lancio: 649€
  • Indicazione prezzo online: 619€ (Amazon)
  • Per chi è consigliato: Nexus 6P, anche se venduto ad un prezzo decisamente importante, è sicuramente uno smartphone Nexus che non dovrebbe sfuggire all’attenzione di chi cerca un’esperienza stock Android a 360°.

recensione_1-button

Microsoft Lumia 950 XL

Lumia_950XL_Marketing_01_DSIM

  • Prezzo di lancio: 699€
  • Indicazione prezzo online: 616€ (Amazon)
  • Per chi è consigliato: Microsoft Lumia 950 XL sta arrivando negli store online e fisici proprio in questi giorni. Torneremo ad aggiornare questo articolo quando sarà online la nostra recensione completa, ma viste le potenzialità di Windows 10 Mobile è sicuramente da non trascurare.

8.4

Oppo R7 Plus

  • Prezzo di lancio: 429€
  • Indicazione prezzo online: 429€ (Oppo)
  • Per chi è consigliato: Oppo R7 Plus è sicuramente un prodotto di alta qualità, grazie anche alla sua scocca in metallo, ma il suo punto di forza è sicuramente l’ottima autonomia.

recensione_1-button

8.9

Samsung Galaxy Note 5

  • Prezzo di lancio: n.p.
  • Indicazione prezzo online: 669€ (Amazon)
  • Per chi è consigliato: È difficile consigliare Note 5 per l’acquisto visto che non tutti gli store che lo vendono (non è disponibile ufficialmente in Europa) possono dirsi affidabili. Se siete però sapete quello che state facendo non vi deluderà affatto.

recensione_1-button

8.9

Samsung Galaxy S6 edge+

  • Prezzo di lancio: 839€
  • Indicazione prezzo online: 623€ (Amazon)
  • Per chi è consigliato: Il phablet che Samsung ha pensato per il nostro paese si chiama Galaxy S6 edge+ ed è uno dei migliori telefoni dell’anno. Se potete permettervelo vi darà grandi soddisfazioni.

recensione_1-button

Altri prodotti

L’articolo Migliori phablet per il Natale 2015 sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Blackberry lascia il Pakistan per motivi di sicurezza

Blackberry ha comunicato attraverso un post la sua uscita dal mercato del Pakistan; l’azienda ha svelato che lo scorso luglio, la Pakistan Telecommunications Authority ha notificato ai gestori di telefonia mobile del Paese che, a partire da dicembre, non sarebbe stato più concesso ai server BES di Blackberry di operare in Pakistan per “motivi di

L’articolo Blackberry lascia il Pakistan per motivi di sicurezza sembra essere il primo su Gizblog.

Vivo annuncia ufficialmente il Vivo X6 e il Vivo X6Plus!

Il produttore cinese Vivo ha annunciato ufficialmente quest’oggi presso il Water Cube di Pechino il Vivo X6 e il Vivo X6Plus, top di gamma trapelato molteplici volte nelle ultime settimane tra indiscrezioni, teaser ufficiali ed immagini leaked. Il dispositivo, come vi avevamo anticipato in alcuni nostri precedenti post, è stato presentato in due varianti: una “standard” denominata Vivo

L’articolo Vivo annuncia ufficialmente il Vivo X6 e il Vivo X6Plus! sembra essere il primo su Gizblog.

Ufficiale: Windows 10 per Xiaomi Mi 4 LTE verrà rilasciato il 3 dicembre

Il co-fondatore di Xiaomi, Lin Bin, ha annunciato ufficialmente che lo Xiaomi Mi 4 riceverà Windows 10 il 3 dicembre in via ufficiale. Nei giorni scorsi vi avevamo mostrato le immagini leaked della ROM in funzione sul dispositivo con un arrivo previsto inizialmente per la fine di novembre. Uno degli sviluppatori di Xiaomi, RanGer, ha

L’articolo Ufficiale: Windows 10 per Xiaomi Mi 4 LTE verrà rilasciato il 3 dicembre sembra essere il primo su Gizblog.

Xiaomi Mi 5: 2.300 punti nel test single core con Snap 820

Ad oggi, il punteggio più alto che é stato raggiunto per quanto concerne le prestazioni single-core del tanto atteso Snapdragon 820, già ufficialmente presentato da Qualcomm, é di 2162, che é pur sempre molto lontano dai punteggi dell’ A9 di Apple presente sull’iPhone 6S, che da sempre eccelle in questo ambito, il quale ha fatto

L’articolo Xiaomi Mi 5: 2.300 punti nel test single core con Snap 820 sembra essere il primo su Gizblog.

Dizionari e traduzioni a portata di mano, con ABBYY Lingvo Dizionari (foto)

ABBYY Head (1)

Se vi trovate molto spesso a leggere, scrivere o parlare in lingue straniere, probabilmente avete già avuto modo di mettere alla prova l’affidabilità e comodità di Google Translate, che attraverso il vostro smartphone può aiutarvi a tradurre parti di testo o a scoprire il significato di una parola sconosciuta.

Purtroppo, esso non è uno strumento che può essere sufficiente in ambito lavorativo o professionale, dove non è raro trovarsi di fronte a termini particolarmente specifici e, contemporaneamente, è richiesta una precisione superiore nel modo di esprimersi: in questo caso, è meglio affidarsi ad un vocabolario più “blasonato”, ed è possibile farlo con la stessa comodità utilizzando ABBYY Lingvo Dizionari.

I vostri vocabolari preferiti sempre in tasca

L’applicazione, infatti, permette di acquistare le versioni digitali dei più affermati dizionari a livello internazionale, e di consultarle con tutta la comodità garantita dal vostro smartphone e tablet: potrete infatti, senza fatica, avere sempre con voi tutti i vostri più importanti strumenti di lavoro, senza bisogno di portarvi dietro numerosi volumi decisamente ingombranti.

LEGGI ANCHE: Dal cartaceo al digitale: come gestire i biglietti da visita con ABBYY Business Card Reader

Con ABBY Lingvo potrete infatti cercare una parola scrivendola nell’apposita casella, e leggerne significato e traduzione (con tanto di esempi di utilizzo) nella lingua di destinazione da voi scelta. In alternativa, se vi trovate di fronte a un testo scritto, potrete anche utilizzare la fotocamera del dispositivo per inquadrare ciò che volete tradurre e sopperire così in modo semplice ad eventuali differenze alfabetiche.

Download Gratuito

ABBYY Lingvo Dizionari è disponibile gratuitamente sul Play Store, ma solo alcuni dei dizionari del catalogo saranno scaricabili senza pagare niente: gli altri, invece, potranno essere acquistati a un prezzo variabile fra gli 1,99$ e i 65,00$.

Google Play Badge

L’articolo Dizionari e traduzioni a portata di mano, con ABBYY Lingvo Dizionari (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Fire, il tablet quad-core da 59 euro

Amazon Fire è uno dei prodotti più venduti su Amazon, nonché uno dei prodotti Amazon più venduti. Il tablet è infatti realizzato da Amazon stessa, e fa del prezzo di vendita il suo punto di forza. Nonostante il prodotto sia stato lanciato da tempo, pensiamo che rivederne le caratteristiche in vista delle festività natalizie possa essere

L’articolo Fire, il tablet quad-core da 59 euro sembra essere il primo su Gizblog.

Oukitel K6000, nuovi dettagli disponibili

Mentre la maggior parte delle case produttrici di smartphone optano per dispositivi sempre più sottili e leggeri a discapito della potenza della batteria, la casa cinese Oukitel ha deciso di intraprendere una strada opposta, montando delle batterie di enormi capacità, senza avere alcuna paura di produrre degli smartphone più grandi e pesanti.

(…)
Continua a leggere Oukitel K6000, nuovi dettagli disponibili su Androidiani.Com


© claudiodemilio for Androidiani.com, 2015. |
Permalink |

Scopri qui i migliori smartphone android scelti da Androidiani.com! Classifica aggiornata a novembre – 2015!

Tags del post:

Stonex: tutti gli accessori della #StonexCam in (ben) 14 minuti (video)

accessori-stonex-cam

Al centro del Project Overview #7, l’ennesimo video di Stonex, c’è il nuovo dispositivo dell’azienda italiana, Stonex Cam e più in particolare tutti gli accessori che saranno affrancabili all’action cam Blu Klein.

Selfie stick, fascia da testa, carica batterie multiplo, microfono esterno; questi sono solo alcuni esempi di quanto viene esposto nei ben 14 minuti del video caricato sul canale ufficiale di Stonex e che trovate anche qui sotto. Tra tutti questi accessori il supporto per il casco sarà “regalato” ai primi acquirenti.

LEGGI ANCHE: Stonex Cam Video #5: giri in moto, Steve Jobs, dettagli sugli accessori e prezzo ribassato… di nuovo

Dettagli anche sull’autonomia della batteria da 1.500 mAh: 4 ore per “un uso promiscuo” e non nel senso di utilizzo tra più persone, ma misto, tra riprese e visualizzazione dei contenuti sullo schermo posteriore.

Ormai l’unico mistero riguardo la Stonex Cam sembra essere il prezzo che, ancora una volta, Facchinetti ribadisce essere il più basso sul mercato, ovviamente a parità di caratteristiche. A questo punto il prossimo appuntamento è fissato per mercoledì prossimo, quando alle 12:00 apriranno le vendite.

L’articolo Stonex: tutti gli accessori della #StonexCam in (ben) 14 minuti (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Lenovo non abbandonerà il brand Vibe, ma ci sono cambiamenti in arrivo

Qualche giorno fa si era parlato della possibilità che Lenovo abbandonasse il suo marchio Vibe per riorganizzare al meglio la sua divisione smartphone: l’azienda ha smentito questa possibilità, ma alcuni cambiamenti verranno comunque effettuati.

(…)
Continua a leggere Lenovo non abbandonerà il brand Vibe, ma ci sono cambiamenti in arrivo su Androidiani.Com


© Luca Tubiello for Androidiani.com, 2015. |
Permalink |

Tags del post: , ,

ZTE Nubia Z11 potrebbe essere lanciato contemporaneamente in Cina e Stati Uniti

Stando alle ultime notizie rilasciate dal produttore cinese ZTE, l’azienda sarebbe pronta ad annunciare ufficialmente il Nubia Z11, il futuro top di gamma caratterizzato da un display dual edge e dal processore quad-core Qualcomm Snapdragon 820. Il dispositivo potrebbe essere presentato simultaneamente sia in Cina che negli Stati Uniti. ZTE, inoltre, avrebbe confermato la presenza di diverse versioni di questo

L’articolo ZTE Nubia Z11 potrebbe essere lanciato contemporaneamente in Cina e Stati Uniti sembra essere il primo su Gizblog.

Nokia C1 con Android/Windows è già superato, ma queste potrebbero essere le sue caratteristiche

Nokia-C1.1

Avete già ripreso a fantasticare sul Nokia C1, fantomatico smartphone che potrebbe arrivare il prossimo anno in due varianti con Android e Windows 10 Mobile?

Oggi ci sono interessanti novità a proposito di questo ipotetico dispositivo, che arrivano dallo stesso informatore che aveva riportato a galla la notizia qualche giorno fa: la principale novità è che il Nokia C1 è un progetto morto, ma c’è già un nuovo smartphone pronto a sostituirlo.

Secondo quanto riportato, il C1 doveva arrivare in due versioni che differivano per dimensioni, con display da 5″ e 5,5″ Full HD, fotocamere posteriori rispettivamente da 8 e 13 megapixel e anteriori da 5 megapixel. Per quanto riguarda i tagli di memoria, si parla di  2 GB di RAM con 32 GB di memoria interna o 3 GB di RAM affiancati da 64 GB di spazio.

In ogni caso, prendete tutte queste informazioni con le pinze: non è ben chiaro perché Nokia avrebbe dovuto cancellare uno smartphone che non sarebbe stato lanciato prima del prossimo anno e, in ogni caso, non sappiamo cosa ci sia di diverso in questo ipotetico successore su cui sta già lavorando.

LEGGI ANCHE: Date l’estremo saluto a Mercury, tablet Nokia che non vedrete mai

L’azienda finlandese sicuramente ritornerà nel mercato smartphone alla fine del 2016 e, pare abbia anche altri piani, come quello dei dispositivi indossabili.

Non ci rimane che attendere ancora per scoprire quale futuro ci riserverà Nokia, che speriamo possa risorgere dalle sue ceneri e stupirci come un tempo.

L’articolo Nokia C1 con Android/Windows è già superato, ma queste potrebbero essere le sue caratteristiche sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Xiaomi Mi Pad 2 ottiene 85.101 su AnTuTu Benchmark!

Tra i nuovi prodotti presentati la scorsa settimana, Xiaomi ha annunciato il suo ultimo tablet: il MI Pad 2, il cui modello da 64GB sarà disponibile in due varianti, che avranno a bordo rispettivamente Android e Windows. Secondo indiscrezioni, la variante Android di questo dispositivo sembra aver ottenuto un promettente risultato di 85.101 punti su AnTuTu.

L’articolo Xiaomi Mi Pad 2 ottiene 85.101 su AnTuTu Benchmark! sembra essere il primo su Gizblog.

Motorola Moto G: disponibile la prima nightly della CyanogenMod 13

Come ben sappiamo, il primo Motorola Moto G purtroppo non riceverà ufficialmente l’aggiornamento ad Android 6.0 Marshmallow, seppur riesca perfettamente a supportarlo grazie ad un comparto tecnico ancora discreto. Proprio per questo il team Cyanogen ha deciso di continuare a supportarlo pubblicando le prime nightly della propria custom ROM.

(…)
Continua a leggere Motorola Moto G: disponibile la prima nightly della CyanogenMod 13 su Androidiani.Com


© mptm3c for Androidiani.com, 2015. |
Permalink |

Vedi il miglior smartphone android di novembre 2015

Tags del post: , ,

Blackberry da 1300$, oro 24 carati e smartphone per ricchi

Molti di noi hanno desiderato il telefono top di gamma; quello che solitamente ha un prezzo che varia dagli 800 fino ai 1000 euro; un iPhone 6s o un Samsung 6 Edge; e se vi dicessimo che questo non è nulla rispetto a quando sono disposti a spendere altre persone? Karalux è una compagnia vietnamita che si

L’articolo Blackberry da 1300$, oro 24 carati e smartphone per ricchi sembra essere il primo su Gizblog.

Oppo R7s Plus con display da 6 pollici, 4 GB di RAM e batteria da 4100 mAh certificato in Cina

Qualche giorno fa avevamo riportato che Oppo avrebbe a breve portato sul mercato europeo il suuo R7s: poco dopo, il nuovo Oppo R7s Plus è apparso sul portale dell’ente cinese TENAA. Diamo un’occhiata.

(…)
Continua a leggere Oppo R7s Plus con display da 6 pollici, 4 GB di RAM e batteria da 4100 mAh certificato in Cina su Androidiani.Com


© Luca Tubiello for Androidiani.com, 2015. |
Permalink |

Tags del post:

Xiaomi Redmi Note 2 Prime a soli 150 Euro su GearBest per il Cyber Monday

Lo Xiaomi Redmi Note 2 è probabilmente uno dei dispositivi più acquistati negli ultimi mesi; oggi parliamo dell’offerta proposta da GearBest su Xiaomi Redmi Note 2 Prime, il quale potrà essere vostro a soli 150 Euro nella variante cromatica bianca. Vi abbiamo già parlato di questo dispositivo in una nostra recensione approfondita. Il Redmi Note 2 presenta una

L’articolo Xiaomi Redmi Note 2 Prime a soli 150 Euro su GearBest per il Cyber Monday sembra essere il primo su Gizblog.

Simulatore di ferite virtuali per far esercitare i futuri medici

I medici da campo possiedono oggigiorno moltissimi metodi per raffinare la propria arte prima di dover mettere le mani sui veri soldati in battaglia, ma il reale comportamento di una ferita può essere sorprendentemente difficile da comprendere a pieno se non si ha alcuna esperienza pratica. I ricercatori della UCLA (University of California, Los Angeles)

L’articolo Simulatore di ferite virtuali per far esercitare i futuri medici sembra essere il primo su Gizblog.